Benvenuti nel grande capitolo dedicato alla burocrazia delle nozze. In questo articolo cercheremo di semplificare alcuni concetti in modo che possiate gestire al meglio le varie tempistiche utili anche per far partire le partecipazioni matrimonio e magari dedicarvi ad argomenti più dolci e interessanti come la scelta dell’abito da sposa. Ricordatevi che se siete con i tempi stretti potete spedire agli ospiti delle partecipazioni matrimonio originali tramite mail, social e WhatsApp.

Vi hanno mai parlato delle legge Bassanini?

La burocrazia italiana è nota per essere quanto più macchinosa e contorta possibile ma c’è un’importante legge che ha decisamente snellito la procedura per richiedere i certificati necessari. In vigore dal 23 febbraio 1999, la legge Bassanini ha introdotto l’autocertificazione per tutti i documenti utili da reperire prima delle nozze.

Può sembrare una rivoluzione di poco conto ma se inserita all’interno di un contesto dove le scadenze sono importanti e i ritmi altrettanto ben serrati, l’idea di agevolare l’iter burocratico concedendovi più spazio per le vostre idee bomboniere matrimonio può non essere così di poco conto. Per molti di voi l’iter burocratico sarà unificato ma per le coppie interessate solo al rito civile, la procedura sarà quanto più semplice e rapida possibile. Vediamo tutto nel dettaglio.

Luca Molinari Fotografia
Luca Molinari Fotografia

Rito Civile: tutto semplice a meno che…

Abbiamo parlato più volte dell’iter burocratico necessario da avviare per reperire i documenti nei tempi giusti e ben serrati. Per il rito civile in realtà non ci sono strategie da mettere in atto proprio perché la procedura è davvero semplice e molto spicciola ma si sa, a volte possono crearsi strane lungaggini dovute alla lentezza di rilasciare i certificati da parte degli uffici comunali preposti. Se per molte coppie non sarà difficile reperire la documentazione necessaria (carta d’Identità, atto di nascita e certificati di cittadinanza, di stato libero e di residenza) per alcuni di voi potrebbe essere già più difficoltoso.

Ci riferiamo, nello specifico, alle seconde nozze dove è necessario reperire una sentenza di divorzio (di entrambi o di un solo futuro coniuge) o di morte nel caso di vedovanza e nel caso di matrimonio con uno straniero; in linea di massima, parlare con il funzionario competente almeno tre mesi prima delle nozze potrebbe aiutarvi a dissipare dubbi sulla procedura.

Gabriele Latrofa
Gabriele Latrofa

Se invece avete bisogno di capire gli uffici separati dello stato civile perché volete svolgere un rito in una location differente dalla Casa Comunale allora vi converrà anticipare ancora le tempistiche, sia per capire cosa inserire negli inviti matrimonio sia per reperire i permessi necessari (soprattutto qualora optiate per un rito civile in spiaggia, magari in una città diversa da quella di residenza).

Rito religioso: chi si ferma è perduto

Con l’unificazione e l’ufficializzazione dei due riti, possiamo affermare senza alcun dubbio che i soggetti da interpellare per la produzione dei documenti necessari per il rito religioso sono il parroco (ma anche più di uno) e il funzionario comunale. Se per tutto ciò che concerne il rito civile la documentazione da produrre è quella vista in precedenza con le medesime tempistiche, per la documentazione necessaria ai fini del rito religioso gli intoppi possono essere diversi e decisamente più lunghi per cui, se vi trovate in una di queste situazioni, non cullatevi troppo tra le riviste degli ultimi abiti da sposa 2019 ma iniziate a reperire informazioni quanto più attinenti possibili.

Couple Creative Photo
Couple Creative Photo

Vediamo qualche esempio.

  • Non siete in possesso di uno dei due sacramenti (battesimo e cresima) ritenuti fondamentali per la celebrazione religiosa; ricordatevi che alcuni parroci molto fiscali potrebbero pretendere che la cresima venga fatta necessariamente prima delle nozze quindi affrettatevi!
  • Non siete in possesso dell’attestazione di frequenza del corso prematrimoniale perché non vi siete iscritti nel periodo messo a disposizione dalla parrocchia; potete sempre farlo in altre parrocchie in linea con i tempi utili per le vostre necessità oppure programmare un corso “ad personam” con il parroco. In ogni caso meglio informarsi per tempo!
  • Dovete reperire i vari certificati di cresima e battesimo in altre parrocchie (magari di altre città) oppure dovete sposarvi in una città differente da quella in cui avete seguito il corso prematrimoniale (o il processetto con le varie frasi per promessa di matrimonio). In realtà si tratta di un finto problema perché anche le parrocchie ormai dialogano tra loro con certificati elettronici ma meglio non sfidare troppo la sorte e accorciare i tempi, consultando (laddove vi può essere utile e necessario) anche più parroci contemporaneamente, in modo da confrontare le informazioni in merito.

Elisabetta Riccio Wedding
Elisabetta Riccio Wedding

Per organizzare al meglio le date degli appuntamenti e le check list per i documenti utili, è necessario un wedding diary dove appuntare il work in progress della vostra ferrea organizzazione e qualche spunto creativo anche sulle bomboniere matrimonio. Decoratelo con qualche pensiero o frase matrimonio che possa farvi ripensare a questi momenti ma ricordatevi che non esiste un tempo preparatorio ideale: generalmente dai tre ai dodici mesi si può fare tutto per la sposa più “speedy” o meticolosa.