Vai ai contenuti principali
Matrimonio

Documenti per matrimonio religioso: cosa serve per sposarsi in chiesa?

Anche per le nozze religiose occorre impostare un iter burocratico. Lo sapevate? E soprattutto, sapete quali sono i documenti necessari? Li abbiamo raccolti in questo articolo insieme alle tempistiche utili per recuperarli.

sposo e sposa che si guardano all'altare durante matrimonio religioso

sposo e sposa che si guardano all'altare durante matrimonio religioso

Oltre al lato emotivo e personale del matrimonio in chiesa, quando si parla di matrimonio cattolico non si possono tralasciare alcuni aspetti burocratici importanti: per la legge, infatti, un matrimonio celebrato in chiesa non è che l’unione tra coniugi dinanzi a un sacerdote al quale il nostro ordinamento riconosce effetti civili purché vengano rispettate determinate procedure. Ecco perché è fondamentale avere le idee chiare sui documenti matrimonio religioso e su quale sia la relativa procedura burocratica per richiederli. Niente panico: leggete di seguito la nostra guida!

Tutto sui documenti matrimonio religioso:

Quali sono i documenti per sposarsi in chiesa?

La preparazione del rito religioso non prevede solo la scelta delle letture e delle musiche sacre. Occorre raccogliere nei tempi utili tutti i documenti necessari, che comprendono sia alcuni documenti validi a livello legislativo, sia altri certificati di importanza solo a livello religioso. Per quanto riguarda la parte legislativa, dovrete presentare:

  • autocertificazione (da compilare presso l'Ufficio di Stato Civile)
  • documento di identità;
  • marca da bollo.

sposa a cui viene messo il velo prima dell'entrata in chiesa

I certificati per matrimonio religioso, invece, comprendono:

  • certificato di Battesimo;
  • certificato di Cresima;
  • certificato di stato libero ecclesiastico;
  • attestato di partecipazione al corso prematrimoniale;
  • nulla osta ecclesiastico.

Il certificato di Battesimo per uso matrimoniale

Tra i primi documenti da presentare c’è appunto il certificato di Battesimo che dovrete chiedere per uso matrimoniale al parroco della chiesa in cui siete stati battezzati. Il certificato viene emesso immediatamente quindi non vi porterà via molto tempo.

Il certificato di Cresima

Una volta richiesto il certificato di Battesimo, se il sacerdote della parrocchia presso cui avete celebrato la Cresima ha aggiornato il registro parrocchiale verranno fuori tutti i dettagli del caso; in questo modo, avrete già quello che vi serve e avrete guadagnato del tempo. In caso contrario, dovrete recarvi presso la parrocchia presso cui avete ricevuto la Cresima in modo da richiedere il certificato.

partecipazioni di matrimonio

Certificato di stato libero ecclesiastico

Questo non rientra tra i documenti per matrimonio religioso che devono produrre tutti i futuri coniugi, ma solo chi ha vissuto, dopo il sedicesimo anno di età, fuori dalla Diocesi in cui verrà celebrato il matrimonio e per un periodo di almeno un anno. Il certificato viene espletato davanti a due testimoni, nella parrocchia di residenza e vidimato dalla Curia.

Sostanzialmente, attesta che i futuri coniugi non hanno contratto precedentemente un matrimonio con rito religioso. Il documento cartaceo può essere sostituito con un semplice giuramento della persona interessata, davanti al parroco e ad alcuni testimoni.

L’attestato di partecipazione al corso prematrimoniale 

Una delle pratiche matrimonio religioso più importanti. Si tratta di un percorso che dovrete seguire insieme ad altre coppie per affrontare vari temi legati al matrimonio religioso. Al termine di questi appuntamenti, verrà rilasciato il certificato di frequenza che dovete esibire al parroco che celebrerà le nozze in caso abbiate frequentato il corso in una parrocchia differente. Qui trovate una guida completa per sapere tutto sul corso prematrimoniale.

sposa che viene accompagnata all'altare dal padre

Il nulla osta ecclesiastico

Il nulla osta è uno dei requisiti per sposarsi in chiesa che interessa solo quelle coppie che dovranno celebrare le nozze in una chiesa differente da quella di appartenenza di entrambi. Il nulla osta va consegnato quindi al parroco della chiesa prescelta, insieme al certificato di avvenute pubblicazioni e a tutti gli altri documenti prodotti.

Documenti matrimonio religioso: tempistiche

La procedura burocratica può essere avviata immediatamente (considerate almeno 6 mesi prima dalla data delle nozze). Una volta raccolta la documentazione, infatti, si può procedere con le pubblicazioni. In realtà, si parla di doppia pubblicazione, in quanto l’affissione avviene sia presso la Casa Comunale sia presso le porte della casa parrocchiale (nello specifico nella parrocchia dello sposo e della sposa, se diverse).

Qualora l’ufficiale di stato civile accerti degli impedimenti alla celebrazione del matrimonio, può rifiutare le pubblicazioni, al contrario, verrà rilasciato il nulla osta al matrimonio.

Se non siete certi di come funzioni questo aspetto dell'iter burocratico, leggete l'articolo sulle pubblicazioni matrimonio.

Ultimo step: il processetto matrimoniale

L'ultimo step da seguire non comprende la presentazione di altri documenti per matrimonio cattolico, ma è comunque un momento la cui importanza non va sottovalutata.

Una volta che avrete fra le mani tutto il necessario, infatti, sarete separatamente chiamati a colloquio dal parroco che celebrerà le vostre nozze, per rispondere ad alcune domande circa la vostra volontà, libertà e consapevolezza di contrarre matrimonio secondo il rito cattolico. Questo colloquio è anche conosciuto con il termine processetto. Se volete saperne di più sull'argomento, non perdetevi il nostro articolo sul processetto matrimoniale; vi sarà sicuramente utile. 

sposo e sposa fuori dalla chiesa durante lancio di riso e petali di rosa

Ecco quindi quali sono i documenti matrimonio religioso da presentare in vista delle nozze in chiesa. Voi li avete tutti? Il nostro consiglio è quello di non stressarvi troppo e di procedere per gradi seguendo un'organizzazione meticolosa. Provate a utilizzare un'agenda cartacea, o magari la check list di Matrimonio.com, dove potrete inserire e spuntare via via tutti gli step da affrontare.