Russotto Photography

In tema di seconde nozze sono stati fatti numerosi passi avanti, sconfiggendo quelle credenze che volevano impedire a tutti i costi l’utilizzo del classico abito da sposa, preferendo le versioni più glamour degli abiti da cerimonia, oppure che collocavano il banchetto in una semplice cerimonia informale e senza pretese. Oggi le seconde nozze hanno acquistato tutta la loro importanza ma in fatto di burocrazia è meglio essere attenti e scrupolosi così da preparare le partecipazioni di matrimonio in tempo utile.

Rito civile per le seconde nozze dopo il divorzio

Se state organizzando le vostre nozze dopo aver finalmente atteso la sentenza di divorzio da un’unione precedente allora sappiate che gli inviti matrimonio potranno essere spediti solo dopo aver concluso la pratica burocratica con i documenti necessari. In questo caso, oltre ai consueti documenti richiesti per le nozze in Municipio, dovere presentare la copia integrale dell’atto di matrimonio precedente, rilasciata dal Tribunale di riferimento del Comune dove sono state celebrate le prime nozze.

FrancescoMoscaFotografo

L’atto deve essere corredato:

  • dall'annotazione della sentenza di scioglimento di matrimonio che può essere richiesta previa autorizzazione della Procura della Repubblica competente per territorio;
  • dalla sentenza di divorzio. Ovviamente, tale procedura dovrà essere seguita da entrambi i futuri coniugi in caso abbiate tutti e due un matrimonio alle spalle.

Per chi ha ricevuto l’annullamento dalla Sacra Rota

Se invece avete ottenuto l’annullamento dalla Sacra Rota, desiderosi di pronunciare nuovamente le frasi per promessa di matrimonio allora l’iter può essere differente a seconda dei casi:

Nozze civili dopo l’annullamento

L’annullamento vi ha resi nuovamente celibi o nubili dinnanzi allo Stato ma se comunque preferite convolare a nozze con rito civile, allora la documentazione utile da allegare al classico iter prevede la copia integrale dell’Atto di precedente matrimonio, completa di annotazione a margine della sentenza della Sacra Rota. Gli organi che dovranno dialogare al fine di procedere con l’annotazione a margine dell’Atto di matrimonio sono il tribunale ecclesiastico e il vostro comune di appartenenza.

Elena Gatti Photography

Nozze religiose dopo l’annullamento

Nella maggior parte dei casi, l’annullamento viene richiesto al tribunale ecclesiastico con il desiderio di pronunciare i voti direttamente sul sacro altare, specie se il sogno più grande è quello di farvi accompagnare da vostro padre nel suo abito da cerimonia uomo. In questo caso, insieme all'iter consueto richiesto dall'ufficio parrocchiale, è necessaria la copia della sentenza del tribunale della Sacra Rota. L’annotazione della sentenza appare sul certificato di Battesimo infatti gli organi che dialogheranno per concludere la pratica sono il tribunale e la parrocchia in cui è stato celebrato il Battesimo.

Seconde nozze per vedovi e il vincolo dei 300 giorni

Per chi invece ha perso il proprio compagno e ha nuovamente incontrato l’amore della sua vita, la documentazione necessaria per portare a compimento l’iter burocratico prevede la copia integrale dell’atto di morte del coniuge.

Foto Quaranta

Per le donne la legge vieta le seconde nozze prima di un tempo massimo stabilito in 300 giorni tra un matrimonio finito ed uno nuovo, sia in caso di annullamento che di divorzio o decesso del primo coniuge. Tale limite è imposto ai fini di scongiurare un’eventuale gravidanza la cui paternità potrebbe essere imputabile al coniuge precedente. Se tale limite non viene rispettato, si può andar incontro ad una multa il cui importo può variare dai 20 agli 82 euro; certo un nonnulla se si considera la voglia di convolare a nozze a qualunque costo avendo già pronti gli abiti eleganti da cerimonia.

Camera24

Ad ogni modo, se la donna al momento del decesso del coniuge non è incinta, può richiedere al tribunale civile una formale autorizzazione a sposarsi prima del termine previsto dalla legge, oltrepassando questa visione un po’ anacronistica delle seconde nozze.

Ecco, questo è tutto quello che dovete sapere prima di procedere con l’iter burocratico che vi porterà finalmente a pronunciare quelle fatidiche frasi per matrimonio guardando negli occhi la persona che probabilmente avete aspettato da una vita intera. Alla fine, volendo sdrammatizzare, non per tutti è “buona la prima” ma probabilmente ora avete accanto la persona con cui pronuncerete anche le frasi per 50 anni di matrimonio.