Un secondo “sì, lo voglio” ha un valore decisamente importante, talvolta ancor più del primo. Si tratta infatti di una decisione maggiormente razionale e consapevole, dettata dall’esperienza maturata negli anni. Partendo da questi presupposti l’outfit della sposa non potrà che esserne il perfetto ritratto! Così come per il primo matrimonio, anche per il secondo il bon ton parla chiaro: quali sono quindi gli aspetti da considerare per la scelta del look nuziale? In questo articolo ti illustreremo tutto ciò che devi sapere sugli abiti da sposa per seconde nozze con numerosi suggerimenti per aiutarti a individuare quello migliore per te!

Linee guida per la scelta

Eleganza e sobrietà sono le parole d’ordine per una donna che sceglie di pronunciare il “fatidico sì” una seconda volta. Se per il suo primo matrimonio si era lasciata trasportare dal fascino di pizzi, merletti e volumi principeschi, l’abito delle sue seconde nozze sarà un inno al minimalismo, con linee pulite, tagli rigorosi e dettagli essenziali. Ciò non significa che il suo outfit debba essere severo e castigato! Al contrario, in questa occasione una donna avrà l’opportunità di indossare abiti ben lontani dalla tradizione nuziale ma comunque elegantissimi come i tubini, i tailleur o i completi con pantalone.

Il secondo matrimonio potrebbe rivelarsi anche un’ottima opportunità per staccarsi del tutto dal classicismo ed osare con un pizzico d’estro. Rimanendo sempre fedeli ai concetti di eleganza e sobrietà, una donna potrà personalizzare il suo bridal look con originali accessori o dettagli caratteristici del suo stile. Ti stai chiedendo se gli abiti da sposa per seconde nozze colorati rappresentino una scelta troppo azzardata? In questo caso tutto dipende dalla tipologia di ricevimento così come dalla personalità della donna. Sofisticate nuance come l’avorio, il crema o il color champagne sono dei veri passe-partout, ma la futura sposa che vuole celebrare questo importante evento con un accento grintoso potrà optare per tinte vivaci, prestando sempre una grande attenzione ad equilibrarle con toni più neutri negli accessori.

Completi con pantalone

Una soluzione pratica, moderna, versatile e molto amata dalle donne che scelgono di convolare a nozze una seconda volta è quella del pantalone. Negli ultimi anni questa tipologia di mise si è largamente diffusa in ambito nuziale tanto che i grandi marchi del lusso hanno iniziato a dedicarle sempre più spazio all’interno delle loro collezioni. La futura sposa amante di un’eleganza in senso classico potrà indossareimpeccabili completi dal taglio sartoriale con giacche di ispirazione maschile e pantaloni dal taglio asciutto.

Colei che invece ambisce a un look più romantico e modaiolo rimarrà incantata dalle raffinate tute intere, i cosiddetti jumpsuit, che combinano la classe nuziale con le proposte di tendenza al momento. In questo caso i tessuti utilizzati per il pantalone saranno morbidi e fluidi in modo da enfatizzare il taglio a palazzo, mentre i corpetti rimarranno più aderenti al corpo ma con la dovuta moderazione. Scollature profonde o linee troppo succinte, infatti, non sono per nulla adatte ad un secondo matrimonio, meglio preferire i tagli dritti!

La lunghezza degli abiti

Quando si è alla ricerca di abiti per seconde nozze in comune la misura delle gonne gioca un ruolo fondamentale. Esse non dovranno eccedere in lunghezza per non creare impedimenti ma è bene che non siano nemmeno troppo corte: nonostante la cerimonia non sia di tipo religioso si tratta pur sempre di un evento formale e di conseguenza anche il dress code dovrà essere consono alla situazione. Vediamo ora le diverse tipologie di abiti e la loro suddivisione in base alla lunghezza.

Corti fino al ginocchio

Abiti a tubino e tailleur formati da gonna e blazer femminile sono tra le scelte più gettonate per la futura sposa che si appresta a celebrare il suo secondo matrimonio. Capi iconici e senza tempo che trascendono qualsiasi tendenza, sono adatti a donne di tutte le età, tanto alle più giovani quanto a quelle che hanno già superato i fatidici “anta”. I tagli sartoriali precisi e le linee strutturate li confermano come outfit perfetti anche per le spose plus size che avranno così modo di valorizzare la loro immagine con eleganza e buongusto.  

Alla caviglia

Una scelta versatile e che non apparirà mai fuori luogo è quella degli abiti dalla lunghezza midi o con gonna che si ferma alla caviglia. Liberamente ispirati al bon ton anni Cinquanta, queste mise sono state rivisitate in chiave moderna con forme fresche e tagli innovativi finalizzati a risaltare qualsiasi silhouette. La donna amante delle atmosfere vintage che ha scelto di organizzare il suo secondo matrimonio basandosi su questo tema potrà indossare frizzanti gonne a ruota lunghe fino a metà polpaccio da abbinare a top con delicate scollature a V. Per completare il look le basteranno solo un cinturino che sottolinei il punto vita e un paio di eleganti décolleté, da prediligere in tono con l’abito per un'immagine classica o a contrasto per uno stile più innovativo.

Lunghi fino a terra

Le donne più romantiche ed eternamente sognatrici probabilmente non si sentirebbero a loro agio indossando abiti da sposa corti per seconde nozze continuando a preferire mise più lunghe. Come si è visto nell’introduzione, però, i volumi principeschi o gli strascichi smisurati non sono per nulla appropriati a questo tipo di eventi. La soluzione? Un misto di sobrietà e raffinatezza. Abiti lunghi con gonna che cade dritta sfiorando terra sono perfetti per la futura sposa che desidera attribuire al suo look consapevole una nota di grazia e femminilità.

La scelta dei tessuti dipenderà poi dal luogo di celebrazione: materiali preziosi come i taffetà o il raso duchesse troveranno la loro idilliaca collocazione in matrimoni sofisticati svolti in ambienti interni, mentre per i ricevimenti all’aria aperta nulla di meglio se non i crépon di seta o i tessuti plissé, un vero must per la bella stagione.

Un look nuziale non sarà mai completo senza l’aggiunta degli accessori. Per le seconde nozze sono banditi i lunghissimi veli, troppo identificativi di una sposa tradizionale, così come tutti quei dettagli troppo scintillanti e luminosi. Cosa scegliere? Sì a scarpe, borse e gioielli eleganti ma senza troppe pretese, che possano essere riutilizzati comodamente anche nella vita di tutti i giorni.