Sweetphotofactory

Nel nostro Paese, le tradizioni legate al matrimonio sono moltissime e variano a seconda della zona geografica: riguardano tanto l’abito da sposa, quanto la cerimonia… ma soprattutto sono legate a rituali di festeggiamento come accade per il lancio del riso o del bouquet da sposa. Molte di queste sopravvivono ancora oggi, come le bomboniere di matrimonio; altre invece hanno subìto variazioni nel tempo: vediamo insieme quali.

1. L’abito bianco

L'usanza del vestito da sposa bianco è legata al significato che questo colore tradizionalmente assume, ovvero la purezza legata alla verginità della donna. Rispetto al passato, sono di numero inferiore le coppie che seguono questo principio e sono in molti a scegliere la convivenza prima del matrimonio. Ci sono ragazze che non si preoccupano del significato tradizionale dell’abito bianco e, al contrario, lo utilizzano senza problemi anche per matrimoni civili, per pura scelta estetica. Altre donne scelgono di indossare un particolare con piccoli tocchi di colore, proprio per non rendere l’abito totalmente bianco ed essere coerenti con il simbolo che rappresenta; infine sempre più spose optano per la strada meno convenzionale che ci sia: indossare un bellissimo abito da sposa colorato.

Leuci Fotografia

2. Il velo

In passato il velo veniva utilizzato per proteggere la sposa dagli spiriti maligni e veniva sollevato dallo sposo come segno di presa in carico di una nuova responsabilità. Oggi il velo è sempre meno usato dalle spose, vuoi perché piuttosto scomodo, vuoi perché rischierebbe di sgualcire quelle bellissime acconciature da sposa semiraccolte che realizzano le parrucchiere odierne. Se però sceglierete di indossare un fantastico abito da sposa vintage, il velo o la veletta saranno un accessorio che saprà dare quel tocco in più al vostro outfit.

3. Vecchio, nuovo, blu, prestato

Se volete seguire le tradizioni e al contempo richiamare un po’ di fortuna, ricordatevi che nel giorno delle vostre nozze dovrete indossare qualcosa di nuovo, vecchio, blu e prestato. Il senso di tutto ciò risiede rispettivamente nel fatto che il vecchio simboleggia il legame con il passato, il nuovo l’inizio di una nuova vita, il prestato è un portafortuna e il blu rappresenta l’amore e la felicità. Al giorno d’oggi questi elementi sono presenti solamente ai matrimoni delle spose più superstiziose, che pur di stare tranquille, sceglieranno un trucco da sposa per occhi marroni totalmente blu e nei mesi precedenti il matrimonio si faranno prestare dalle amiche gioielli, fazzoletti, rossetti e… tutto il possibile per una buona sorte!

effetrefotostudio

4. Il lancio del riso…

Vi siete mai chiesti il perché di questa tradizione? Sembra derivi da un antico detto cinese che dice "dove c'è riso c'è abbondanza" e infatti rappresenta un augurio di ricchezza e prosperità per gli sposi. Per evitare di macchiare i loro vestiti (specialmente l’abito da cerimonia da uomo) oggi molte coppie predispongono per gli invitati chicchi di riso lavati e asciugati. In alcuni casi addirittura il riso viene abolito, prediligendo dei coriandoli o al massimo quello della tipologia “basmati”, che non macchia.

5. …del bouquet

Il lancio del bouquet di fiori tradizionalmente dovrebbe avvenire all’uscita della chiesa, ma sempre più frequentemente oggi accade che venga compiuto alla fine del ricevimento. Attualmente infatti questo rituale ha assunto un aspetto goliardico, ma in realtà in passato rappresentava il momento di addio al fidanzamento per cominciare una nuova vita insieme come marito e moglie.

Filippo Reviati Photography

6. E la giarrettiera?

Il terzo famoso lancio che si compie normalmente a un matrimonio è quello della giarrettiera, un accessorio appartenente alla biancheria intima della sposa, a sua volta legata ad un vestiario tipico del passato. La tradizione vuole che lo sposo la sfili dalla gamba della sposa e la lanci verso gli invitati celibi: il lancio rievoca un’antica tradizione che vedeva i parenti entrare in camera degli sposi, catturando alcuni indumenti come segno di verginità della sposa per accertarsi che il matrimonio fosse stato effettivamente consumato. Oggi è ancora in uso? Dipende dalla sposa, dal suo temperamento timido o estroverso e dal fatto che indossi un vestito consono al “gioco”: per esempio un abito da sposa a sirena rende tutto piuttosto complicato.

7. Fare a pezzi la cravatta

Quello di fare a pezzi la cravatta dello sposo è un rito molto in voga in alcune zone d’Italia, che rappresenta un modo per dispensare un buon augurio agli invitati celibi in cambio di denaro per cominciare la sua nuova vita da marito. Si tratta di mettere all’asta alcuni lembi della sua cravatta agli invitati: ad offerte generose, corrisponderà un lembo più importante. Oggi questa tradizione viene spesso trascurata per evitare di danneggiare tale capo di abbigliamento di valore.

8. Le bomboniere con i confetti

Come molti elementi legati alle nozze, anche i confetti rappresentano tradizionalmente un simbolo di buon auspicio e regalarli è un augurio. Oggi le bomboniere con i confetti hanno assunto la funzione di ricordo delle nozze, infatti riportano la data del matrimonio e i nomi degli sposi. In molti casi la tradizione è diventata un’occasione per compiere un gesto di beneficienza, realizzando bomboniere solidali di matrimonio, anche se i confetti sono ritornati in auge nella forma della confettata: un grande allestimeneto dove gli invitati possono scegliere liberamente tra diversi gusti.

GR Film Fotografia

9. La serenata

La serenata dell’uomo alla sua futura sposa è una tradizione molto in voga ancora oggi nelle regioni del sud Italia, specialmente nei piccoli centri urbani dove è più semplice trovare palazzi bassi o piccole ville che consentono la buona riuscita della scenetta. Sì, perché di questo si tratta: un piccolo teatrino organizzato dallo sposo con l’aiuto degli amici, la complicità delle amiche della sposa ed eventualmente il supporto di musicisti professionisti. Non si tratta quindi di un momento romantico alla “Romeo e Giulietta”, ma di una vera propria festa (si conclude il tutto con un piccolo rinfresco serale) nei giorni precedenti il matrimonio, ma mai quello subito antecedente.

10. L’ingresso in braccio

Un’altra tradizione vuole che la sposa varchi la soglia di casa in braccio al marito... ma vi siete mai chiesti il perché? Il motivo risale all’antica Roma, quando si faceva così per impedire alla sposa di inciampare nel suo abito da sposa stile impero ed evitare quindi un segno di malaugurio. E oggi? Dopo una giornata stancante quale quella del vostro matrimonio, probabilmente vi trascinerete in casa scordandovi delle tradizioni!

Quali di queste tradizioni seguirete e quali invece proprio non volete nemmeno sentir nominare? Se ci sono dei rituali che per qualche motivo vanno contro i vostri principi, non abbiate paura di segnalarlo ai vostri ospiti fin dalle partecipazioni di matrimonio. Dopotutto si tratta del vostro giorno speciale e, considerando tutto quello che avete speso per il menù, gli allestimenti e l’abbigliamento come le scarpe da sposa, avete pieno diritto di dettare voi le regole dei giochi.