Via Lattea Eventi
Via Lattea Eventi

Avete deciso di impreziosire la celebrazione delle vostre nozze con la magica cerimonia della luce ma volete fare un ulteriore passo per rendere ancor più unico il momento in cui vi scambierete le frasi per promessa matrimonio? Il modo migliore per farlo è personalizzare le formule che pronuncerete nell'istante in cui unirete le due candele in unica fiamma, scrivendo voi stessi il testo oppure ispirandovi a componimenti già esistenti. Presi però dai numerosi impegni che vi vedono destreggiarvi tra l'invio delle partecipazioni matrimonio e la disposizione degli invitati a tavola, vi rendete conto di non avere il grado di concentrazione adeguato a redigere i vostri paragrafi? Nessun problema, di seguito troverete alcune idee...

Cos'è la cerimonia della luce?

La cerimonia della luce o rito delle candele, ha origini antiche, probabilmente pagane, collegate ai matrimoni simbolici. Può aggiungere spiritualità alla cerimonia civile ma, col permesso del vostro sacerdote, può essere celebrato anche in chiesa. In cosa consiste? Dopo lo scambio degli anelli, entrambi avrete in mano una candela accesa con cui, all'unisono, ne accenderete una più grande al centro, simbolo del vostro amore e della vostra unione immortale.

Potrete poi decidere se lasciare le candele piccole accese per testimoniare l'indipendenza delle due anime all'interno del matrimonio, oppure se spegnerle e far sì che quella grande bruci simboleggiando la vostra vita insieme. Per dare la giusta carica evocativa al momento, potreste pensare di usare come sottofondo un romantico violino o la vostra canzone preferita.

SD Event Planner
SD Event Planner

Le letture possibili

Esistono diverse formule per la cerimonia della luce: potete scrivere voi stessi le frasi romantiche che suggelleranno la vostra unione, oppure servirvi dei diversi testi già esistenti, magari personalizzandoli a piacere.

Il brano più famoso

Il più famoso è un brano di Philip Bosmans, sacerdote e scrittore belga, intitolato Ascoltate la candela del vostro matrimonio:

“Nel giorno del vostro matrimonio lasciate che una candela bruci, è un simbolo che vi illumina e accompagna. Quando saranno passati alcuni anni vi ricorderà quello che vi siete promessi in questo giorno. La candela del giorno delle vostre nozze vi sussurra all'orecchio: L’ho visto. La mia fiamma era presente quando vi siete presi per mano e vi siete regalati i vostri cuori. Sono qualcosa in più di una semplice candela. Sono un testimone silenzioso nella casa del vostro amore e continuerò a vivere con voi. Nelle giornate di sole, quando sprizzate allegria, quando una bella stella brilla all’orizzonte delle vostre vite, non avrete bisogno di accendermi. Accendetemi quando fa notte, quando la tempesta irrompe nelle vostre vite. Accendetemi quando dovete fare un primo passo e non sapete come, quando serve una spiegazione e non trovate le parole, quando volete abbracciarvi e vi sentite paralizzati, allora accendetemi. La mia luce sarà per voi un segnale chiaro. Parlo la vostra lingua, la lingua che tutti capiamo. Sono la candela del giorno del vostro matrimonio. Lasciatemi bruciare quando è necessario, affinché tutti e due, guancia a guancia, possiate spegnermi. Allora vi ringrazierò dicendo: alla prossima volta”.

Una valida alternativa

Un'alternativa, in linea con ciò che questo rito rappresenta, è Cuori allo specchio di Massimo Gramellini:

“Siamo come candele accese. Il rosso della fiamma non è l’unico colore, ma solo il più esterno e visibile. Ci sono anche il giallo e il blu: alla base, intorno allo stoppino. Allo stesso modo in noi convivono tre livelli di combustione : il rosso delle passioni all’esterno, il giallo delle emozioni e, alla base, il blu dello spirito. Chi passa la vita a inseguire passioni per provare emozioni fa una cosa molto vitale, ma insufficiente ed è per questo che rischia di rimanere sempre inappagato. Per trarre dai sensi tutto ciò che possono darti, occorre lavorare sullo strato più profondo e nascosto. Imparare a cercare le risposte all’interno e non all’infuori di te”.

Qualcosa di più
Qualcosa di più

Le formule più brevi: citazioni di libri, di film o di autori famosi

La giornata sarà lunga e i vostri invitati saranno impazienti di congratularsi con voi. Mentre accendete le candele per il rito della luce, potreste utilizzare frasi tratte da film o da brani di autori celebri, perfette per una cerimonia leggermente più agile ma anche molto profonde e significative:

  • "Con questa mano io dissiperò i tuoi affanni. Il tuo calice non sarà mai vuoto perché io sarò il tuo vino. Con questa candela illuminerò il tuo cammino nelle tenebre. Con quest'anello io ti chiedo di essere mia/mio”. (Tratto dal film La sposa cadavere)
  • “Come sparge lontano il suo chiarore una piccola candela, così splende una buona azione in un mondo malvagio”. (William Shakespeare)
  • “Accendi un sogno e lascialo bruciare in te”. (William Shakespeare)
  • “Come una candela accende un'altra e così si trovano accese migliaia di candele, così un cuore accende un altro e così si accendono migliaia di cuori”. (Lev Tolstoj)
  • “Migliaia di candele possono essere accese da una singola candela, e la vita della candela non sarà abbreviata. La felicità non diminuisce condividendola”. (Siddhārtha Gautama Buddha)
  • “Noi siamo come la fiamma di una candela: la cera si consuma, la luce si fa fioca, ma se crediamo in noi stessi non resteremo mai al buio”. (Romano Battaglia)

Le Conche Country House
Le Conche Country House

Una formula interattiva

Le citazioni dei libri e dei film non fanno per voi perché preferite una vera e propria formula per scambiarvi le vostre frasi d'amore durante il rito? Questa è la soluzione:

Il celebrante: “(nomi degli sposi), prendete ognuno la vostra candela e accendete insieme la candela centrale che simbolizza l’unità e l’impegno che vi promettete l’un l’altro. La luce della candela rappresenta l’unione della coppia, l’inizio di una nuova famiglia. Due individui che diventano uno attraverso il matrimonio”.

La sposa: “(nome dello sposo), questa fiamma rappresenta il mio amore per te. Con il mio cuore unito al tuo formeremo una nuova famiglia. I miei passi si uniscono ai tuoi per aprire nuove strade, per superare gli ostacoli, per schivare gli abissi. Sarò la tua spalla quando sarai stanco, la tua oasi quando il mondo ti fiaccherà, sarò il silenzio quando il rumore sarà assordante, sarò il tuo grido quando il silenzio ti opprimerà, sarò il tuo calmo approdo quando il mare sarà in tempesta. Sarò tutto quello che il Signore mi permetterà di essere per renderti immensamente felice”.

Lo sposo: “(nome della sposa) il mio amore è rappresentato da questa fiamma. Ti consegno il mio cuore unito al tuo per far sì che il nostro sia più grande e sicuro. Mi impegno davanti a te per il tuo benessere. Sarò il tuo sostegno quando ti sentirai debole, sarò la tua fonte quando avrai sete, sarò riparo quando il freddo ti minaccerà, sarò la tua ombra quando il caldo ti soffocherà, sarò il sorriso quando il dolore ti farà soffrire, sarò tutto quello che il Signore mi permetterà di essere per renderti immensamente felice.”

Vi sono piaciute queste proposte? Ricordate che potete sempre attingere dalle vostre personalissime fonti, specialmente se siete lettori assidui. Magari vi verrà in mente un’idea mentre vi state rilassando durante la prova dell’acconciatura da sposa o state passando davanti alla libreria per andare a ritirare il vostro abito da cerimonia da uomo...chi può dirlo!