Le Galapagos sono un arcipelago di isole vulcaniche politicamente appartenenti all’Ecuador e geograficamente collocate nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico, a circa mille chilometri dal continente americano. Cosa significa questo? Che se volete scambiarvi frasi d’amore in uno dei luoghi più remoti al mondo, avete scelto il posto giusto. Tale distanza ha permesso che sul territorio si sviluppassero numerose specie endemiche di animali e vegetali, incontaminati dall’azione dell’uomo: sì, alle Galapagos potrete sperimentare il più incredibile “safari marino” della vostra vita, subito dopo esservi sfilati gli abiti da sposa e sposo.

I migliori modi per visitare l’arcipelago

Per visitare queste incantevoli isole, esistono due modi. Il primo è il più classico, confortevole e organizzato: si tratta di una crociera che permette di visitare isole altrimenti inaccessibili, con pernottamento a bordo.

La seconda possibilità è quella di fare degli “island hopping”, ovvero dei veri e propri “salti” da un’isola all’altra a bordo di imbarcazioni più piccole, con pernottamento in loco e possibilità di entrare in contatto con le popolazioni locali. Il lato positivo di quest’ultima soluzione è che permette di personalizzare gli itinerari in base ai propri interessi (snorkeling, trekking, bird watching…), il lato negativo è che non consente di raggiungere alcuni luoghi toccati invece dalla crociera.

Quali itinerari possibili?

Nell’arcipelago delle Galapagos si contano ben tredici isole, ciascuna con caratteristiche peculiari. Le principali sono senz’altro quelle di:

  • Santa Cruz, dove poter camminare lungo Tortuga Bay per ammirar le famose tartarughe giganti;
  • Bartolome, dove attraversare il ponte sul suo immenso cono vulcanico;
  • Santa Fe con Playa Escondida, per ammirare il turchese come non l’avete mai visto, facendo snorkeling nelle acque che la bagnano.

  • Isabela, l’isola più grande e romantica di tutte, con la sua soffice spiaggia bianca su cui passeggiare mentre si ammirano leoni marini, pinguini e tartarughe.
  • San Cristobal, l’isola che ospita la capitale delle Galapagos, Puerto Baquerizo.
  • Espanola, dove potrete avvistare i meravigliosi sule dalle zampe azzurre.

Per quanto riguarda gli itinerari, bisogna distinguere tra quelli percorribili in crociera e quelli più flessibili che si possono scegliere appoggiandosi a un island hopping tour. In particolare nel primo caso si distinguono tre diverse zone dell’arcipelago, che danno vita rispettivamente all’itinerario sud, nord e ovest. Ciascuno di essi tocca isole diverse e il consiglio è quello di non scendere sotto i 4 giorni di escursione: l’ideale sarebbe stare oltre i 10, anche se in una settimana si riescono comunque a vistare le bellezze delle Galapagos in maniera esauriente.

Il periodo migliore per andare alle Galapagos

Se voleste partire per una luna di miele poco dopo aver indossato il vostro abito da sposa invernale, le Galapagos sarebbero la meta perfetta. La stessa cosa si può dire anche nel caso in cui il giorno delle nozze abbiate vestito un leggero abito estivo: proprio così, non esiste un “momento no” per recarsi su questo paradisiaco arcipelago, perché ogni periodo dell’anno è l’ideale.

Tuttavia, potendo scegliere, è consigliato optare per i mesi inclusi tra dicembre e maggio: si tratta infatti della stagione calda, perché in generale il sole splende sempre in un cielo chiaro. Inoltre, da marzo a maggio potreste incontrare le tartarughe marine e i leoni marini in cerca di compagni.

Nonostante ciò, anche la cosiddetta "stagione fredda" ha i suoi pro: da giugno a novembre l’aria e l’acqua si raffreddano e avrete bisogno di una muta per effettuare le immersione, tuttavia la vita di mare è molto attiva in questo periodo grazie alla corrente di Humboldt che porta acqua ricca di sostanze nutritive, attirando grandi quantità di pesci e uccelli.

Quello che non sapevate sulle Galapagos

Contrariamente a quanto si possa pensare, le Galapagos non sono una destinazione per tutti. Questo perché si tratta di un ambiente protetto, di cui solo il 3% è visitabile autonomamente. Il restante 97% del parco nazionale che ricopre completamente il territorio è percorribile prendendo parte a tour organizzati, gestiti da guide qualificate. Il motivo risiede nel fatto che si vuole preservare l’antico ecosistema dell’arcipelago, lo stesso studiato da Charles Darwin per formulare la sua famosa teoria evolutiva nel noto libro L’origine delle specie.

No, le Isole Galapagos non sono un luogo per i cosiddetti backpackers, ma se siete pronti a investire risorse per un viaggio davvero unico, se amate le immersioni e il mal di mare non vi impedisce di scambiarvi frasi romantiche anche dopo una lunga gita in barca… allora avete appena trovato la destinazione per la vostra luna di miele ideale.

Speriamo che questo articolo vi sia servito per considerare le Isole Galapagos come una possibile meta per la vostra luna di miele. Inoltre, i loro nomi ben si prestano per nominare i tavoli del ricevimento e dar vita a un tableau de mariage davvero originale. Infine, i meravigliosi colori delle specie animali e vegetali che incontrerete laggiù potranno ispirare la composizione del vostro bouquet da sposa… cosa ne pensate?