Vero e proprio scultore della stoffa, Antonio Riva presenta sulle passerelle del SìSposa Italia la nuova collezione di abiti da sposa per il prossimo 2019. Amante dei volumi importanti e delle linee che rimandano alle corolle dei fiori, anche quest’anno ci propone un’esplosiva selezione di abiti intensamente caratterizzata da giochi di sovrapposizioni e di tessuti, abbinando acconciature da sposa minimali, atte ad esaltare la particolarità del capo.

Ogni sua creazione si distingue per la sua innata classe ed eleganza inconfondibile, che fanno di questo brand uno dei più amati d’Italia e nel mondo. Pizzo, tulle e colori dalle nuance tenui vengono mixati in un vortice di inequivocabile abilità sartoriale. Antonio Riva è costantemente alla ricerca della bellezza, facendo della sobrietà e dell’eleganza il proprio diktat stilistico.

Abiti puramente architettonici

Un aspetto che ha caratterizzato negli anni gli abiti di Antonio Riva, è l’esposizione delle forme e delle linee quasi mirate a voler essere opere d’arte ispirate all’architettura. Linee ondulate e rette scisse in maxi fiocchi posteriori, oltre ai volumi delle gonne che le seguono per tutto il suo perimetro. Estrose ma allo stesso tempo di classe, queste creazioni sono l’ideale tanto per le prime che per le seconde nozze.

Principesse dalle mille sfaccettature

Ciò che rende speciali questi abiti da sposa è la capacità con cui vengono lavorati i tessuti, creando volumi elaborati e lasciando un semplice corpetto, concetto evidenziato nel modello sottostante, dove tutta la preziosità del raso traslucido dai toni del rosa tenue, si fonde con le linee e i volumi di una sovrapposizione del tessuto, in una mise che scende giù morbida come le onde del mare.

L’effetto scenico delle balze

I classici modelli a principessa vengono estrapolati dal loro contesto comune e resi dei capi iconici grazie alla fedele riproduzione dello stile originale, ma rivisto in chiave quasi barocca. Un abito bianco in seta sul davanti è apparentemente uno come tanti, ma basta volgere lo sguardo indietro per scoprire una sinfonia di voluminose linee curve che giocano con l’effetto “floreale” che ricreano le balze, minuziosamente cucite all’estremità per rendere più rigido il tessuto e far sì che questo prenda l'increspatura desiderata.

Tagli geometrici onnipresenti

Stesso concetto viene ripreso dagli spettacolari abiti da sposa a sirena e quelli a sottoveste. La geometria in effetti sembra essere molto cara allo stilista, che in un modo o nell’altro la ripropone in diversi capi: la ritroviamo persino nei codé estraibili dei double dress, che oltre a mixare le linee, fa uso anche dei tessuti più disparati: dal plumetis, al pizzo ricamato a trama spessa (quasi a ricordare degli abiti da sposa vintage), il raso e l’immancabile tulle per le più romantiche.

Non potevano mancare poi, gli abiti da sposa corti dalle disinvolte gonne a trapezio da cui emergono pizzi a volontà e tantissimi strati di tulle che ci rimandano agli anni Cinquanta, dove anche le acconciature da sposa per capelli corti erano un vero e proprio must da abbinare al look nuziale.

Fiori e colori sensazionali

Infine, non potevamo concludere con degli abiti da sposa colorati davvero singolari, dove il verde viene riproposto in chiave nuziale in maniera del tutto originale, con flower print dalle mille sfaccettature e applicazioni 3D perfette per un matrimonio in primavera o in estate accompagnati da scintillanti sandali gioiello. Un occhio di riguardo anche alla vasta gamma dei bianchi e del rosa, sempre più presente nelle collezioni degli ultimi anni.

Fanno infine la loro comparsa sul white carpet, anche l’ocra e il beige, tonalità più serie e accattivanti dal gusto più formale.

Per scoprire l’intera collezione Antonio Riva 2019, date un’occhiata al nostro catalogo nuziale per non perdervi neanche un modello!