Sono ormai tante le coppie che dopo aver coronato il loro sogno d’amore, partono per la luna di miele verso luoghi lontani e sconosciuti. Posti che alcuni vedranno solo sfogliando le riviste di turismo, con lunghe spiagge di sabbia dorata e mare spumoso così limpido da sembrare una piscina. Mete esotiche, che coloreranno parte dei nostri ricordi con tinte che varcano il confine fra sogno e realtà. Il viaggio di nozze è solitamente sinonimo di terre sconosciute, lontane, tutte da scoprire.

Questa volta, però, vi vogliamo proporre un viaggio alla riscoperta della nostra Italia, portandovi in una regione che racchiude in sé storia, folklore e natura incontaminata: l'affascinante Sicilia.

Facilmente raggiungibile in aereo, in treno, in nave e in macchina, permette di soddisfare tutte le tipologie di esigenze, anche le più economiche. Scegliendo di arrivare all’aeroporto Falcone Borsellino di Punta Raisi, si può decidere di iniziare il proprio tour a Palermo, magnifica città d’arte che troneggia fra i suoi monumenti.

  • Palermo

La città scruta dall’alto maestosa e sembra avvertire i visitatori: Palermo è da vivere, non da vedere.

Un avviso per coloro che vogliono fare una luna di miele all’insegna della tranquillità e dell’agiatezza: Palermo non è un quadro, né una scultura. Questa città respira, si muove. Non potrete arrivare a Teatro Massimo, o ammirare la bellezza emozionante della Cappella Palatina, senza passare per le vecchie vie scalcinate del capoluogo siculo.

Il mercato della Vuccirìa, con tutti i suoi colori e le voci degli abbanniati vi stupiranno. Nel ventre del mercato del Capo, stretto budello che trasuda magnificenza, ma allo stesso tempo decadimento, trascinerete la vostra metà a provare la cucina di strada. Polpo bollito, patate, fritto misto, pane e panelle serviti fra i tavolini sistemati alla buona, fra una bancarella e l’altra.

Palermo se la guardi, lo fai fissandola dritta negli occhi, altrimenti equivale a dire non averla vista. A Palermo il vostro amore vivrà un sentimento puro, primordiale.

 

 

  • Le Eolie

Per compensare il fervore di Palermo, dopo aver concluso il vostro tour nel capoluogo, potrete rifugiarvi in una casetta all’interno dell’isolotto più selvaggio dell’arcipelago delle Eolie: Alicudi, chiamata anche l’isola dell’Erica, a causa della pianta che abbonda sulle sue valli.

Ad  Alicudi non ci sono discoteche, pizzerie, tavole calde, birrerie e sale giochi. Il vostro miglior amico sarà un asinello. Non esistono né auto, né motorini, ma solo strette e inerpicate mulattiere. Sarà il saggio animale a condurvi fino al Timpune delle femmine, zona in cui durante il saccheggio dei pirati, si rifugiavano donne e bambini.

Le bellezze sicule sono infinite, tutte da scoprire. All’interno di questo tour sarebbe indicato anche visitare le altre Isole dell’arcipelago delle Eolie (FilicudiSalinaStromboliVulcanoPanarea) ognuna con una propria particolare caratteristica.

  • L'Etna

Non si può ripartire senza visitare l’Etna, vulcano attivo più alto del continente europeo. La vista di questo imponente gigante della natura saprà come dare un tocco di poesia alla vostra vacanza, accompagnando le vostre cene a base di vino tipico e spaghetti, su una terrazza di Taormina al chiaro di luna.

Salire e trovarsi ai piedi dei crateri che si sono formati in questi ultimi anni sarà una sensazione straordinaria: ovunque sabbia nera. L’Etna è un’orbita completamente travolta e inghiottita dalla lava. Veder crescere vegetazione in mezzo a quel tappeto fuligginoso ha dell’incredibile. È un luogo che è stato plasmato dalle colate che la terra stessa ha rigettato. La cosa che più colpisce di quest’immensa distesa è che essa sia in gran parte invasa da coccinelle. Le si può trovare fra un sassolino e un altro, a contribuire alla suggestività del luogo. È la fortuna che bacia la bocca del cratere, la bocca della bella Sicilia. 

 

 

  • Da non perdere

Se avete tempo informatevi presso le agenzie che organizzano le escursioni guidate nel caso in cui non aveste la macchina. La scelta è molto vasta: vi consigliamo Cefalù, Tindari, le gole dell’Alcantara e il tour dei Nebrodi in 4x4. Nel prezzo dell’escursione è compreso anche il pranzo con degustazione di prodotti tipici locali. Agli amanti dei tour personalizzati invece consiglio di munirsi di una bella cartina geografica e di recarsi in un centro informazioni per capire quali sono le mete che spesso non vengono segnalate nei manuali, ma che risultano le più suggestive, incontaminate e romantiche del luogo.

Quando partire. Questa magnifica isola ai piedi del nostro stivale vanta un clima perfetto anche durante il periodo primaverile e autunnale. In mesi come maggio, giugno, settembre e ottobre sarà possibile godere di maggiore tranquillità, senza patire l’afa estiva.

 

 

* Articolo concesso da Stefania Pozzi, Wedding-reporter