Matrimonio

Fiore all'occhiello nell'abito da sposo: da dove viene questa tradizione?

Il fiore all’occhiello è la decorazione floreale indossata sul risvolto di uno smoking o di una giacca, un dettaglio elegante e importante da aggiungere all’abito da cerimonia dello sposo. Ma da dove viene questa usanza?

Cerchi idee sui vestiti maschili? 🤵
Richiedi informazioni e prezzi di vestiti e accessori ai rivenditori della tua zona

Lilithphoto Wedding

Vi parliamo regolarmente della moda sposa, delle regole di bon ton che definiscono quei dettagli da aggiungere all’abito nuziale, il più classico, il bouquet di fiori, ma anche la moda maschile non è da meno. L’abito da cerimonia da uomo segue anch’esso usanze e tradizioni e si può ben dire che il bouquet sta alla sposa come il fiore all’occhiello sta allo sposo! Con questo termine si indica il fiore che si mette al rever sinistro della giacca dello sposo e degli invitati maschi più vicini alla coppia, come i padri e i testimoni. Ma qual è la differenza tra bottoniera e fiore all’occhiello? Dove nasce questa tradizione?

Le origini di una tradizione

La tradizione d’indossare un fiore sulla giacca ha origini nobiliari. Si narra che la regina Vittoria, durante le sue nozze, donò alcuni fiori al suo principe Alberto. Quest’ultimo estrasse un coltello e incise sul risvolto sinistro della giacca una fessura, dove inserì i fiori regalati. Dopo questo romantico gesto, i sarti del regno furono ordinati d’incidere sempre questa fessura, occhiello appunto, in tutte le sue giacche.

In Francia esiste una versione diversa, con la quale i due paesi si contendono la paternità di questa tradizione, che racconta la storia del cavaliere di Rougeville il quale nascose in un grande garofano bianco un messaggio da recapitare alla regina Maria Antonietta, prigioniera nelle carceri della Conciergerie. Per valicare i rigidi controlli delle guardie, Rougeville infilò il fiore nel bavero della giacca, come accessorio. Il “complotto del garofano” non ebbe successo, ma i nobili francesi cominciarono a indossare la giacca con fiore all'occhiello, come simbolo di salvezza. Con il passare del tempo, in entrambe le versioni, il fiore all’occhiello divenne una vera e propria moda.

Max Salani

Fiore all’occhiello e boutonnière: qual è la differenza?

Sebbene si utilizzino termini diversi per questo accessorio è bene marcare la differenza tra fiore all’occhiello e boutonnière. Nel linguaggio comune si tende ad usare i due termini come sinonimi ma in verità non sono esattamente la stessa cosa . Il primo è solitamente caratterizzato da un singolo fiore “rubato” dal bouquet della sposa, la boutonnière invece comprende più fiori e fogliame, diventando un bouquet in miniatura per lo sposo. Da non confondere anche il fiore all’occhiello e pochette. Quest’ultimo è infatti un fazzoletto da taschino, un pezzo di tessuto orlato utilizzato come accessorio decorativo, anch’esso un accessorio di moda maschile di nobili origini, ma che non ha niente a che vedere con i fiori.

Il fiore all’occhiello e il suo significato

Alla fine del fine XIX e XX secolo i fiori inseriti nelle asole della giacca avevano un significato ben preciso. Storicamente era consuetudine indossare un fiore rosso all’occhiello come un garofano, un’usanza che risale alla rivoluzione francese. In alcuni casi, i fiori nell’asola, avevano anche la funzione di far passare dei messaggi. I fiori con petali bianchi sarebbero stati il simbolo dei realisti nel XIX secolo, mentre i socialisti e i comunisti avrebbero ostentato con orgoglio il rosso. Con il passare del tempo, però, la scelta dei fiori e il loro significato hanno subito dei cambiamenti. Per decenni i dandy hanno cercato fiori rari da appuntare sul bavero come fresie, mughetti, narcisi. Proust usava una piccola orchidea bianca, Oscar Wilde un raro garofano verde, e un garofano bianco era nell'asola del frac di Fred Astaire.

Matteo Innocenti Photography

Fiori all’occhiello per lo sposo

Per le nozze si sceglie il fiore da indossare in base a quelli presenti nel bouquet da sposa e sono adatte calle, rose bianche oppure le gardenie, ma a seconda dello stile dell’abito e del matrimonio potrete abbinare il fiore con altri elementi: una piuma per uno stile shabby, boccioli di rosa con un rametto di nebbiolina per lo stile più classico e fiori di campo stretti da uno spago, ad esempio, per i look più country. Occhio però ai volumi e alla quantità dei fiori utilizzati, il fiore all’occhiello si distingue dalla bottoniera proprio per la sua grandezza, quindi se volete assicurarvi sobrietà e uno stile piuttosto minimal non vi sarà bisogno di esagerare.

Tips e regole su come indossare il fiore all’occhiello

Come abbiamo accennato il fiore all’occhiello può essere indossato non solo dallo sposo, ma anche dagli invitati più stretti o addirittura, se si tratta di un ricevimento intimo da tutti gli uomini presenti alla cerimonia. È importante ricordare che va sempre portato a sinistra e per tutta la durata della cerimonia, una regola, questa, che vale per tutti. Trattandosi di un fiore fresco è normale che cominci a sciuparsi in fretta, ma per galanteria è importante toglierlo solo al ricevimento sostituendolo con il fazzoletto, pochette, della giacca. Il fiore non va mai inserito nella tasca della giacca e dovrà essere fissato con una spilla o una calamita sul bavero per essere certi che rimanga ben saldo al tessuto il più a lungo possibile.

PM Wedding

Avreste mai pensato che indossare un fiore nell’asola sinistra della giacca avesse una tradizione così lunga e ricca di significati? Nella moda nuziale maschile è il tocco di classe per eccellenza, quel dettaglio curato che unisce lo stile della coppia, che porta con sé charme ed eleganza, ma anche storie affascinanti di amore e libertà.

Cerchi idee sui vestiti maschili? 🤵
Richiedi informazioni e prezzi di vestiti e accessori ai rivenditori della tua zona

Altri articoli che potrebbero interessarti