Officine K  Wedding
Officine K Wedding

Se sta iniziando a balenarvi per la mente la proposta di fidanzamento da fare nei prossimi mesi, probabilmente vi starete già informando sul budget da investire nell’acquisto dell’anello. Bene, la classica risposta breve e concisa è: “dipende”. Ci sono così tanti anelli di fidanzamento sul mercato con una gamma di prezzo altrettanto vasta.
Per questa ragione, abbiamo pensato di intervistare Valeria della gioielleria Canè di Castel San Pietro Terme a Bologna, insieme a Rosa Catia Villa di Domus Aurea Laboratorio Orafo e Gioielleria a Brembate. Due realtà ben posizionate nel settore della gioielleria italiana, che ci aiuteranno a capire i dettagli tecnici, oltre che le ispirazioni e le nuove tendenze, legate a questo acquisto così importante.

Anello di fidanzamento: significato

Prima di entrare nel vivo dell’argomento, capiamo prima cosa si intende per anello di fidanzamento, ovvero quell’anello che viene tradizionalmente regalato in occasione della proposta di matrimonio. Si dice che il solo fatto di indossarlo, significa accettare la proposta.
Si tratta per questo di un gioiello importante che ricopre un grande valore sentimentale e per questo chi lo riceve lo indosserà tutta la vita, solitamente insieme alla fede nuziale. In quest’ottica, quando si sceglie un anello di fidanzamento bisogna pensare ai gusti di chi lo riceverà, alla qualità dei materiali e loro durevolezza, infine allo stile e alla portabilità.

Domus Aurea laboratorio orafo
Domus Aurea laboratorio orafo

L’anello di fidanzamento in assoluto più richiesto è il Solitario: un unico diamante montato solitamente in oro bianco o platino. Il diamante è la pietra preziosa più dura che esiste in natura, per questo (si dice che un diamante è per sempre) è un’ottima scelta sia simbolica che in fatto di portabilità e durata. La montatura dev’essere proporzionata alla pietra che andrà ad accogliere e valorizzare, senza soffocare; deve essere in grado di reggerla saldamente per molti anni.

Lo stile da preferire è quello classico intramontabile, che non stancherà negli anni; esistono però diverse alternative, per chi non ama il Solitario: fedine di diamanti oppure anelli con zaffiro, rubino, smeraldo e acquamarina con o senza diamanti di contorno.
Se parliamo di un gioiello in generale con diamante o con pietra preziosa, possiamo affermare che il suo acquisto non avviene solo ed esclusivamente per proposte di matrimonio. Il detto “con un gioiello non si sbaglia mai” è più vero che mai. La situazione dunque più classica è quella di voler fare un regalo per una persona cara.

Daniele Carrieri Wedding e Portrait
Daniele Carrieri Wedding e Portrait

Quanto costa in media un anello di fidanzamento?

La spesa media può variare dai 900 (considerando una qualità media/buona di pietra) ai 2.500€, per un bell’anello di fidanzamento di medie dimensioni, ma anche di più per carature superiori ai 50 punti di carato. Il costo varia in funzione della qualità e della grandezza del diamante oltre che delle richieste che si devono soddisfare, ed è difficile quantificarlo in maniera generica.

Quali sono nello specifico i fattori che incidono sul costo?

Parlando di Solitario, sicuramente incidono sul prezzo la caratura del diamante, ma non solo, anche il colore, la purezza e il taglio, nonché la certificazione (IGI-GIÀ-HRD gli istituti gemmologici indipendenti più accreditati) e l’incisione laser della pietra, consigliato per diamanti sopra i 30 punti.
Nella definizione del prezzo finale, vengono infatti prese in considerazione le famose 4C del diamante ovvero Purezza, Colore, Taglio e Caratura. In inglese appunto Clarity, Color, Cut, Carats. Più queste voci sono alte e più ovviamente il costo aumenta.

Fotografia d'Insieme
Fotografia d'Insieme

Altro fattore che incide sul prezzo è la montatura personalizzata. Con la possibilità di rendering e di disegno al computer, oggi si può creare qualsiasi tipo di anello personalizzato. In platino è decisamente più costosa che in oro bianco e l’aggiunta di piccoli diamanti sul gambo o di contorno inciderà sul prezzo finale. Anche le incisioni possono influire sul costo finale e solitamente riguardano date, frasi, nomi e iniziali all’interno del gambo. In base a quanto si vuole investire nell’acquisto, ci si farà consigliare sulla miglior combinazione tra questi fattori dal gioielliere di fiducia.

Se si ha poco budget: su quali prodotti è possibile orientarsi senza compromettere la qualità dell’anello?

Se il budget non è altissimo si può optare per scelte differenti, ma sempre più di tendenza. Non è necessario che la proposta venga fatta con un diamante: si possono utilizzare anche altri tipi di pietre. Molto apprezzate le tormaline, morganiti ed acquemarine. Con queste pietre si può arrivare a creare gioielli di dimensioni più importanti, rimanendo su un budget molto più ridotto.

Per il diamante, il budget non deve essere inferiore ai 450-500€, se si vuole acquistare un Solitario o comunque un buon gioiello. Con una cifra inferiore si acquisterebbe un anello troppo sottile e delicato, non adatto all’uso quotidiano o un diamante troppo piccolo (inferiore ai 10 punti) o di scarsa qualità. Quindi il consiglio è montatura in oro 750/1000 e diamante non inferiore ai 10 punti di carato.

Apulia Luxury Studio
Apulia Luxury Studio

La conclusione che possiamo trarre da questa nostra indagine è che di fatto non esiste un tetto massimo o minimo di spesa. Questo acquisto è legato a variabili molto soggettive che esulano spesso l’aspetto meramente economico per enfatizzare il lato più impulsivo e sentimentale del regalo. Inoltre, chi riceverà l’anello, sarà molto più attento a guardare lo stile e il suo aspetto complessivo, piuttosto che focalizzarsi sulle dimensioni della pietra. Quindi: lasciatevi guidare dal cuore e dall’istinto e farete sicuramente un gran figurone.