Impronte Photography
Impronte Photography

È deciso: vuoi chiedere al tuo grande amore di sposarti e desideri farlo in grande stile o, per lo meno, con l’anello di fidanzamento giusto! Ecco dunque che, accanto all’entusiasmo, inizia a serpeggiare il timore di far ricadere la scelta sul modello sbagliato, finendo per deludere il partner. Non temere, nei paragrafi seguenti troverai tutti i consigli di cui hai bisogno per fare l’acquisto migliore basandoti su un criterio fondamentale: la forma della mano. Allungata, sottile, larga, grande, piccola, con nocche marcate o dalle dita morbide… Le possibilità sono tante e altrettante sono le opzioni in termini di scelta di un gioiello che dovrà essere unico, proprio come la persona che hai deciso di portare all’altare!

Anello di fidanzamento: dove si porta?

Prima di addentrarci nell’analisi delle caratteristiche fisiche della mano di chi riceverà il bellissimo anello che stai per acquistare, è necessario capire dove verrà portato. La tradizione italiana vuole che l’anello di fidanzamento venga indossato sul dito anulare sinistro poiché si tramanda il mito che proprio da lì parta una piccola arteria chiamata vena amoris che, passando attraverso il braccio, si dirige verso il cuore. Nel giorno del matrimonio poi, l’anello di fidanzamento dovrebbe essere spostato sull’anulare dell’altra mano per lasciare libero il dito della fede.

Reportage di Matrimonio
Reportage di Matrimonio

Come studiare la forma della mano

Il primo passo da compiere per arrivare a scegliere l’anello di fidanzamento è comprendere in quale delle due categorie principali rientra la mano del tuo partner: lunga o corta? Potrà sembrarti una banalità ma è invece la chiave del successo! E se ti stai chiedendo come capirlo, sappi che ti basterà misurare l’altezza del palmo e poi quella del dito medio: se quella di quest’ultimo supera la prima, allora si tratta di una mano lunga; in caso contrario, la mano sarà da considerarsi corta. Facile ok, ma come non farsi scoprire? Potresti giocherellare con le mani della tua compagna/o dicendo che vuoi vedere chi di voi ha le mani più grandi, in questo modo, tra uno scherzo e una battuta, riuscirai sicuramente a prendere almeno misure approssimative!

Mani piccole e proporzionate: finezza e semplicità 

Fedine, verette, rivière sono perfette per esaltare la femminilità di mani piccole e sottili! La scelta dell’anello di fidanzamento si basa, infatti, su un vero e proprio gioco di proporzioni, è quindi facile comprendere che, per esempio, fasce alte o forme squadrate su dita non troppo lunghe farebbero apparire la mano nel complesso tozza, quando invece proprio non lo è! Inoltre, è preferibile optare per anelli semplici senza troppe decorazioni o pietre importanti. Naturalmente il solitario non è bandito, ma attenzione alle dimensioni!

Mani allungate con dita da pianista: scelta libera!

Le mani sottili con dita allungate, lasciano aperte numerose possibilità in termini di anello di fidanzamento. Si dice infatti che le persone con questo tipo di mano possano permettersi qualsiasi tipo di gioiello! In ogni caso, però, puoi affinare la tua ricerca tenendo in considerazione alcuni elementi. Prima di tutto, valuta i gusti del tuo partner e cerca di interpretare le sue esigenze. Se, per esempio, sai che ci tiene particolarmente a sfoggiare le sue dita da pianista, focalizza l’attenzione su anelli sottili che sicuramente accentueranno ulteriormente questa notevole qualità.

Se, al contrario, hai notato che tende a nascondere le dita, considerandole troppo lunghe ed eccessivamente sottili, scegli anelli semplici e discreti, che non attirino l’attenzione. Quindi no a pietre troppo grosse o fatture arzigogolate, ma sì a dimensioni notevoli in grado di riproporzionare le dita.
Naturalmente sono sempre ben accette le pietre, perfette per mani così raffinate, anche colorate, nel caso la vostra metà sia un tipo sbarazzino o che comunque ama sdrammatizzare!

Mani grandi e importanti: valutare una via di mezzo

In caso di mani importanti sono banditi gli anelli minimal e con spessore ridotto: le piccole dimensioni, infatti, non faranno altro che accentuare la grandezza delle dita di chi lo indosserà. Attenzione anche al solitario che, se di piccole dimensioni, porterebbe al risultato appena descritto; se di grandi dimensioni conferirebbe comunque un effetto complessivo di eccesso e “oversize”. Punta quindi piuttosto su rivière in oro bianco con diamanti, sono infatti altamente sconsigliati i colori.

Fabio Schiazza Photography
Fabio Schiazza Photography

Mani quadrate con dita corte, a nozze con anelli sofisticati

Gli anelli importanti ed eleganti sono invece perfetti per mani piccole con dita corte. Il gioiello sofisticato, infatti, aiuta a ridimensionare l’aspetto infantile caratteristico di questo tipo di dita. Perfetto, quindi, anche il classico solitario, con una pietra di medie dimensioni: troppo grande infatti risulterebbe eccessivo.

E se le dita sono "cicciotte"?

Per minimizzare l’aspetto morbido delle dita, ti consigliamo di puntare a modelli consistenti, con uno spessore sui 6 millimetri, magari con una fantasia asimmetrica. Inoltre, in questo caso è molto importante valutare la misura del diametro dell’anello di fidanzamento che deve “calzare” alla perfezione, al fine di scongiurare lo spiacevolissimo "effetto a salsicciotto" che sicuramente procurerebbe dispiacere a chi lo indosserà.

Mani con nocche marcate

Il vostro partner ha nocche marcate, caratteristica delle proprie dita che non ama particolarmente. In questo caso, per fare un acquisto azzeccato, la prima cosa da fare è ragionare per bene sul diametro dell’anello che dovrà essere abbastanza grande per superare la nocca ma non eccessivo per non “ballare” una volta indossato. In termini di forme, l’anello di fidanzamento con diamante è l’opzione migliore per far sì che l’attenzione si focalizzi sul gioiello piuttosto che sulla nocca: chi lo riceverà, apprezzerà questa accortezza!

Sicuri che questi consigli ti siano stati d'aiuto ricorda che per scegliere l’anello perfetto dovrai tenere in considerazione, accanto alle caratteristiche fisiche del tuo partner, anche il suo carattere, il suo stile ed eventuali desideri manifestati più o meno velatamente. Lasciati guidare dal tuo istinto!