effetrefotostudio

Quando si organizza un matrimonio, alcune coppie preferiscono portare una ventata d’innovazione nelle loro nozze, per esempio scegliendo abiti da sposa non convenzionali così come delle scarpe da sposa colorate, ma il rito della cerimonia, soprattutto quello religioso, ha delle tradizioni difficilmente modificabili. Una di queste riguarda gli accompagnatori degli sposi all'altare che dovrebbero essere la madre per lo sposo e il padre per la sposa. Esistono però casi in cui queste persone vengono sostituite: quindi, quali altre possono ricoprire questo ruolo? Ecco alcune opzioni.

L’ingresso tradizionale secondo le regole del galateo

É bene sapere che le regole del galateo sull’ingresso in chiesa prevedono che sia il padre a camminare accanto alla sposa porgendole il braccio sinistro per affidarla al suo futuro marito, mentre lo sposo deve essere accompagnato dalla madre che deve trovarsi alla sua destra. Nel caso in cui, per qualsiasi motivo, la sposa non può (o non vuole) essere accompagnata dal padre oppure lo sposo dalla madre, esistono delle alternative meno tradizionali per realizzare l’ingresso in chiesa.

Marco Morelli Fotografo

Farsi accompagnare da entrambi genitori

Se desiderate farvi accompagnare all’altare da entrambi i genitori, potete sentirvi libere di rompere ogni regola e includere tutti e due in questo momento così speciale. Saranno tenerissimi e allo stesso tempo faranno di certo la loro bella figura con i loro abiti eleganti da ceremonia! Ma non dimenticate che resterete voi le protagoniste indiscusse, giacchè sarà il primo momento in cui tutti gli invitati potranno ammirare l’abito che indossate, il bouquet e i vostri sandali gioiello.

Ingresso con un altro parente

Nel caso, invece, in cui il papà della sposa non ci sia più, la sposa può farsi accompagnare dalla mamma oppure se chi è venuto a mancare è la mamma dello sposo, costui potrà optare per un’altra figura femminile a lui vicina. Qualunque sia il motivo che vi spinge a farlo, potete scegliere come accompagnatore un parente a voi prossimo, come un fratello o una sorella, uno zio o una zia speciale oppure, se siete già genitori, potreste decidere di entrare con i vostri adorati figli che saranno ben lieti di essere al vostro fianco ed essere al centro dell’attenzione.

Alessandra Pezzati Fotografa

Gli sposi entrano insieme

Questo tipo d’ingresso è poco diffuso, ma qualora decidiate di entrare insieme, tenete presente che lo sposo dovrà aspettare la sposa sul sagrato della chiesa per aiutarla poi a scendere dall’auto, porgendole il bouquet di fiori. Insieme, tenendovi per mano o a braccetto, raggiungerete l’altare.

La sposa entra da sola

Potreste anche decidere di fare il vostro ingresso da sole, soprattutto se la vostra è una situazione familiare complicata. Il matrimonio dev’essere come piace a voi ed è importante che assecondiate i vostri desideri non solo nella scelta del vostro outfit nuziale, indossando quindi un vestito e delle scarpe eleganti che rispecchino i vostri gusti, ma sentendovi libere di cambiare dettagli che hanno a che fare con la tradizione.

Marcella Fava Wedding Photographer

Per concludere, in un momento così importante cercate di scegliere quello che vi fa stare meglio. È bello avere accanto il proprio padre o la propria madre, ma non è escluso che che ci possa essere qualcun altro ad accompagnare gli sposi all’altare! E se proprio avete bisogno di consigli, potete sempre chiedere al vostro officiante, ma, essendo gli sposi, la scelta finale spetta a voi, proprio come avete deciso tutto ciò che concerne il vostro grande giorno, dal bouquet della sposa alla disposizione dei tavoli!