Organizzare il giorno delle nozze significa prendersi cura di ogni minimo dettaglio, far sentire tutti a proprio agio, soprattutto chi affronta ogni giorno piccole battaglie quotidiane. Stiamo parlando di chi soffre di disabilità e che spesso si ritrova catapultato in un evento dove tutto è così "meravigliosamente difficile". Serve empatia e organizzazione: con una buona dose di consigli, riuscirete a progettare un evento su misura per tutti. Insomma un evento senza barriere. Volete sapere come? Proseguite con la lettura dell'articolo!

Ovunque voi siate: ridurre le barriere!

Chi è in sedia a rotelle, chi si muove con difficoltà con l’aiuto di un bastone o di una stampella avrà sicuramente l’enorme problema di dover essere costantemente accompagnato da qualcuno. Questa difficoltà può essere in primis ridotta scegliendo una location che non abbia alcuna barriera architettonica; è fondamentale infatti avere un facile accesso, con rampe o ascensori, ben segnalati.

Se il parcheggio delle auto è molto distante dall’ingresso della sala, potete richiedere un servizio di accompagnamento, prevedendo un accesso prioritario per loro. Se invece includerete il servizio di trasporto per gli ospiti, accertatevi che i veicoli siano abilitati per le esigenze di mobilità di tutti i partecipanti con rampe, pedane e montacarichi.

A.M. Studio
A.M. Studio

Un altro dettaglio a cui potete pensare è quello di riservare loro un posto di rilievo sia per la cerimonia (magari un posto largo e ben spazioso), che durante il banchetto, in modo che possano sentirsi a loro agio e completamente integrati. Verificate sempre anche che il posto non sia troppo distante dai bagni e assicuratevi che possano spostarsi senza problemi tra i diversi tavoli.

Qualora le disposizioni dovessero consentirvelo, organizzate il vostro cocktail o buffet con un occhio di riguardo ai vostri ospiti diversamente abili, fornendo loro la presenza costante di un cameriere pronto ad occuparsi del pranzo o della cena, dal momento che per alcuni non sarà così facile muoversi.

Coi tuoi occhi

L’ipovisione o la cecità possono diventare delle disabilità invalidanti in un ricevimento di nozze qualora nessuno tenga conto di alcuni specifici bisogni. In molti casi, infatti, questi ospiti dovranno essere scortati dai loro cani guida, quindi fate in modo che anche questi ospiti pelosi possano godersi la giornata. Per tutto il materiale cartaceo (inviti, menù e libretto cerimonia in particolar modo) potete prevedere la stampa in lingua Braille.

Ti ascolto col mio cuore

BG Photo
BG Photo

Per gli ospiti invece che soffrono di disabilità uditive o di ipoacusia, potrebbe essere interessante assegnare loro un posto in prima fila per la cerimonia, garantendogli una buona visibilità. In questo modo potranno leggere facilmente il labiale del celebrante. Un'altra idea molto utile potrebbe essere quella di assumere un interprete del linguaggio dei segni per la cerimonia; questa è un’opzione da considerare seriamente qualora la disabilità interessi uno dei due sposi o un vostro vicinissimo parente.

Accertatevi inoltre che durante i festeggiamenti il vostro ospite possa avere un posto in primissimo piano, per vedere bene tutto ciò che accade intorno a lui: dal lancio del bouquet, al taglio della torta, per finire col primo ballo. E se avete scelto di proiettare un video durante la celebrazione, ricordatevi di sottotitolarlo per fare in modo che anche loro possano seguirlo dall'inizio alla fine.

Per una buona causa

Dario Dusio
Dario Dusio

Se avete un ospite diversamente abile, che è particolarmente legato a un’associazione, a un ente o a una fondazione, un modo per rendergli omaggio è quello di sostituire le classiche bomboniere di nozze con una donazione o con l’acquisto di prodotti e oggetti utili a finanziare i loro progetti. Ci sono molte ONG che realizzano dolci, ricami, biscotti, candele e altri prodotti: da una parte riuscirete a contribuire a una causa specifica e, dall’altra, avrete la possibilità di offrire a tutti i vostri invitati un regalo di nozze tangibile.

Avete degli invitati che preferiranno non pender parte ai festeggiamenti per cautelare la loro salute, specie in questo periodo di grande incertezza? Se alcuni preferiranno non assistere alla cerimonia o al banchetto, occorrerà trovare un modo simpatico per ringraziarli, magari con una bomboniera o con qualunque altro dettaglio che venga dal cuore! Se siete a corto di idee, date un’occhiata a questo articolo sulle bomboniere per chi non ha potuto partecipare alle nozze.