Like a Dream

Mentre il lancio del bouquet da sposa è una tradizione portata avanti da tempo immemore nei matrimoni italiani, quello della giarrettiera è meno frequente. Ma da dove provengono queste tradizioni? Perché lanciare dei fiori e un pezzo dell’abito da sposa agli invitati? E soprattutto, perché gli invitati hanno l’istinto di accaparrarsi questi trofei a costo di rovinare i loro costosi abiti da cerimonia? Cerchiamo di dare una risposta a queste domande.

Il lancio del bouquet, una tradizione in evoluzione

Da sempre, non c’è sposa senza bouquet di fiori. È difficile rintracciare la storia di quest’accessorio: secondo alcune fonti proviene da un’antica tradizione araba che voleva che la sposa fosse ornata con fiori d’arancio, come simbolo di buon auspicio.
Questo immancabile complemento, oggi viene scelto soprattutto in base allo stile del vestito: un bouquet di rose per un abito di sposa in pizzo, fiori campestri per un modello semplice o vintage… Ma quello che molti non sanno è che la tradizione vuole che sia il futuro sposo a regalarlo alla sua compagna, come ultimo omaggio prima di diventare marito e moglie.

Giovanni Bisanti Fotografo

Perché e quando farlo

Qualunque siano i fiori che avete scelto, arriva (quasi) sempre il momento di dir loro addio. L’usanza vuole che la sposa lanci il bouquet alle sue spalle verso le invitate nubili: chi lo riceverà sarà la prossima a sposarsi. Quest’atto dovrebbe avere luogo dopo la cerimonia, ma oggi molte decidono di aspettare fino alla fine del ricevimento, dopo la consegna delle bomboniere di matrimonio originali: in questo momento, la sposa è più rilassata e il tutto risulta più divertente. Trattandosi di un gesto di buon augurio, se siete superstiziose vi consigliamo di farlo. Tuttavia, disfarsi di un ricordo così significativo del nostro matrimonio non è così facile: la soluzione è quella di far comporre una riproduzione del bouquet e tenerne uno per sé, da far essiccare e conservare per sempre.

Ilaria Colussi

Le alternative al lancio

Se non vi piace l’idea di lanciare il bouquet, negli ultimi anni si stanno diffondendo diverse valide alternative. Una di queste prevede di regalarlo a una persona cara, con l’augurio che si sposi al più presto e, perché no, accompagnato da un bigliettino con una frase di matrimonio divertente. Molte spose, poi, decidono di ordinare diverse riproduzioni o di far dividere il proprio bouquet in più parti per regalarlo a più di una persona: la madre e la suocera, le migliori amiche o le nonne.

Il lancio della giarrettiera: una tradizione goliardica

Si pensa che il lancio della giarrettiera provenga da una tradizione più antica: quella per cui gli uomini invitati alle nozze dovessero cercare di accaparrarsi un pezzetto del vestito della sposa. Quest’usanza, che si considerava di buon auspicio, sarebbe impensabile ai giorni nostri: riuscite a immaginare i vostri ospiti lottare per strappare il vostro bellissimo abito da sposa stile impero? Probabilmente fu per questo motivo che nacque la tradizione del lancio della giarrettiera: lo sposo deve prima sfilarla dalla gamba della sposa, con le mani o con i denti, e poi a lanciarla agli uomini celibi. Come accade con il bouquet, si dice che chi riuscirà a prenderla al volo sarà il prossimo a sposarsi.

Andrea Materia

Perché indossare la giarrettiera

La giarrettiera, che in passato serviva a sostenere le calze, oggigiorno non ha molta utilità pratica. Oltre che prestarsi al tipico lancio, però, la giarrettiera offre alla sposa la possibilità di rispettare un’altra tradizione-superstizione: quella di indossare qualcosa di blu. Quando si sceglie un abito da sposa a sirena o un vestito semplice completamente bianco, portare una giarrettiera blu è di sicuro un modo discreto di compiere quest’atto scaramantico.

Claudia Bardelli Wedding Studio

Fare o non fare il lancio?

Indipendentemente dalla decisione di portare o meno la giarrettiera come portafortuna, siete libere di procedere con il lancio oppure no. Se vi sembra un momento imbarazzante e poco formale, probabilmente nessuno ne sentirà la mancanza, poiché in Italia non è un’abitudine consolidata. Sappiate però che, se le vostre amiche sanno che portate la giarrettiera sotto il vostro abito da sposa vintage o in stile impero, potrebbero organizzarne il lancio a sorpresa. Se non volete che ciò accada, quindi, siate molto chiare!

Ci sono tradizioni a cui è difficile rinunciare, come quella delle bomboniere di matrimonio o del primo ballo. Anche il lancio dei fiori, che si tratti di un bouquet di peonie o campestre, rientra tra queste, nonostante negli ultimi anni sempre più spose scelgano opzioni diverse. Il lancio della giarrettiera, invece, è sempre più in disuso. E voi, rispetterete queste usanze oppure no?