Nel momento in cui sceglierete la location per il banchetto di nozze, avrete a portata di mano degli esperti di menù, che sapranno consigliarvi su tutti i dettagli e alcuni fattori importanti per il vostro buffet, cena o pranzo: il vino e le bevande.


 

In una tavola imbandita e festante, il vino riveste un ruolo fondamentale e arrivare un poco preparati per scegliere la carta dei vini, può tornare utile per dissipare alcuni dubbi:

Bianchi o rossi? Leggeri e frizzantini o più forti e sostenuti? E lo champagne?

Innanzitutto, lo champagne è un passepartout e può essere servito lungo tutto il corso del pasto, ma prendete in considerazione anche gli ottimi spumanti nostrani. Alcuni sono eccellenti e non hanno nulla da invidiare alle bollicine d’oltralpe!

I vostri amici e parenti più buongustai apprezzeranno, comunque, una bella carta di vini, composta dalle migliori cantine che tutta la penisola italiana offre.

 

 

In genere si comincia con il vino più delicato e leggero (bianco o rosato) per passare alle gradazioni più forti (rosso).

  • Antipasti e primi piatti saranno dunque innaffiati con bianchi leggeri o rosati e la scelta delle innumerevoli cantine venete, friuliane, trentine, piemontesi è ampia e gustosissima.
  • Se avete optato per un menù di carni, potrete accompagnare arrosti, arista e carni alla brace con bei rossi sostenuti e grintosi, come quelli toscani o siciliani.
  • Se invece il vostro è un menù di pesce, restate sul bianco. Liguria, Sardegna,  costa adriatica o colli laziali offrono ottimi e prelibati vini che terranno alto il livello d’allegria del vostro grande giorno.
  • Per finire, con dessert e torta nuziale, non lesinate sui vini dolci, gli champagne e gli spumanti, che lasceranno quel tocco di frizzantino in bocca e un ricordo indelebile nella memoria di tutti gli invitati alla vostra grande festa! 

 

 

Foto 1. Silovoglio

Foto 2. Momenti Felici

Foto 3. Andrea Lavaria