Gisko
Gisko
Gisko
Gisko
Gisko

Platone diceva che un tempo l’umanità intera conteneva il corpo femminile e maschile assieme finché un giorno qualcuno li divise a metà. Da quel momento ognuno ha iniziato la ricerca della sua parte mancante. Francesca e Andrea si sono ritrovati così: un incontro casuale o magari dettato dal destino che ha fatto di due corpi una sola anima.

Quando lavoro fa rima con amore

Federica e Andrea erano vicini più di quanto si possa immaginare, così vicini da toccarsi nella consueta routine. Era il 2015 e si trovavano nella città di Catanzaro, qui i due lavoravano insieme all’interno di un fast food. Erano giovani studenti e, caso vuole, avevano trovato la stessa occupazione per pagarsi gli studi.

Lui ha fatto il primo passo presentandosi con due biglietti per Parigi, il luogo più romantico di tutti in cui si è consumato il primo di una lunga serie di baci. Carichi di adrenalina al ritorno dal viaggio, Federica e Andrea hanno atteso tre mesi prima di annunciare il loro fidanzamento ai colleghi. Da quel momento in poi andare a lavoro ha avuto tutto un altro sapore.

La proposta di matrimonio come in un film

Si cerca sempre di immaginare il momento della fatidica domanda in uno scenario così tanto suggestivo da sembrare quasi irreale, un po’ quello che Andrea ha riservato alla persona che lo accompagnerà in questo meraviglioso percorso di vita. Con il suo carattere creativo e imprevedibile, ha preso un po' alla sprovvista la sua dolce metà architettando una proposta di matrimonio assolutamente romantica: grazie al prezioso contributo dei suoi amici nonché colleghi di lavoro, ha dato vita a un filmato che ripercorreva le tappe più importanti della loro relazione.

Con un semplice invito nel multisala vicino al lavoro, quello che sembrava un normale appuntamento, si è trasformato in un vero sogno ad occhi aperti: Federica era seduta in sala, in attesa di vedere un film scelto con Andrea, ignara che da lì a poco i suoi occhi avrebbero incrociato alcune tra le immagini più significative della loro storia e poi... accadde la magia! Un momento di condivisione semplicemente unico.

Un look unico ed eclettico

Lo stile prediletto da Federica e Andrea per le loro nozze è andato ben oltre ai canoni classici che ci si aspetta per questi eventi: Federica ha scelto un abito da sposa dalle nuance beige-oro che cadeva fluidamente sul corpo, optando per un outfit senza pretese ma che rifletteva alla perfezione la sua personalità. La pettinatura e il trucco mantenevano inalterata la bellezza acqua e sapone, esaltandola con una corona di fiori dai colori decisi e un make-up dalle tonalità vibranti. Per Andrea, invece, un completo blu elettrico con un unico bottone era quanto bastava per far risaltare lo stile elegante in poche semplici mosse. 

Un fil rouge cento percento natural chic

Federica e Andrea si sono finalmente detti "Sì, lo voglio" il 6 giugno del 2018 con rito civile in un luogo assolutamente suggestivo e fuori dal comune: una struttura diroccata suggerita dal loro floral designer, che aveva capito fin da subito che non sarebbero stati una coppia come tutte le altre. Sembrava quasi un gioco basato sul dualismo di decadenza e rinascita: il luogo abbandonato simbolo di un'epoca passata è stato reso vivace e attuale dal meraviglioso arco di fiori predisposto per lo scambio delle promesse.

Tenuta delle Grazie è stata la location che ha ospitato il loro banchetto, un luogo di quiete completamente immerso nel verde degli ulivi e circondato da una rigogliosa vegetazione in totale sintonia con lo stile natural chic della coppia. 

I banchetti erano un tripudio di elementi decorativi tutti al naturale con banchi e cassette di legno da cui fuoriuscivano erbe aromatiche dai profumi intensi. I fiori facevano la loro comparsa in romantici bouquet presentati in dei vasi dai toni copper che adornavano l’ambiente, sparsi in modo casuale sui lunghi tavoli per completare le mise en place, mentre tra una composizione floreale e l’altra spuntavano puntuali le candele che contribuivano a creare un’atmosfera caldamente opulenta.

Autentico, naturale e spontaneo: ecco in cosa si condensa la loro ricetta d’amore. Una ricetta segreta fatta di complicità e determinazione che avranno il piacere di gustare per tutta la vita grazie alle foto di Gisko e la videocamera di Giuseppe Cristiano che li hanno ritratti nei loro dolci abbracci, rendendoli immortali.