Sfogliando le fotografie di Alessia Gatta Wedding Reporter non si colgono solo sfumature di colore, ma anche tutte le tonalità della felicità. Nei suoi scatti, le nozze di Marco e Claudia brillano di naturalezza e sincero divertimento per aver festeggiato il giorno più bello della loro vita insieme alle persone che contano davvero.

La loro storia

Marco e Claudia si conobbero il 15 agosto 2013 a Gallipoli, in Puglia: in quel giorno cominciò a prendere forma la trama di una storia bellissima… la loro. Dopo quattro anni, durante i quali cominciarono a convivere insieme, alla fine convolarono a nozze. La proposta avvenne durante un’indimenticabile giornata di fine ottobre, quando Marco organizzò un weekend a sorpresa per la sua Claudia. I due innamorati si ritrovarono così a Verucchio, un suggestivo borgo in provincia di Rimini. “Il weekend doveva essere un regalo per il mio compleanno, ma si è trasformato in una vera proposta con tanto di cena a lume di candela e caminetto acceso in camera", ci confida la sposa.

Un matrimonio bucolico

Dopo essersi sposati a Novara il 30 agosto, con breve cerimonia civile in una sala del Museo Giannoni nel complesso del Broletto, i giovani ripeterono la celebrazione in una suggestiva location all’aperto. Era il 1° settembre 2017, una soleggiata giornata che regalava agli occhi un cielo azzurro dipinto di soffici nuvole bianche, sopra campi di grano dalle sfumature delicate. La cerimonia in giardino non poteva essere più piacevole: si svolse presso La Commedia della Pentola, un ristorante con piscina incastonato tra le colline di Lu, in provincia di Alessandria. Qui avvenne anche il ricevimento, il cui stile – a detta della sposa - è davvero difficile da definire: “Non vi era un colore o un tema dominate se non quello della natura nelle sue varie declinazioni, che ha reso bucolica l’intera atmosfera”.

Dettagli armoniosi, in un mix di stili

Gli sposi ci confidano che “abbiamo usato il portale per la ricerca della location, per fare confronti e farci venire nuove idee” e noi non possiamo che ammirare il risultato a bocca aperta. Le loro nozze si presentarono ricche di elementi ispirati alla natura, quali i deliziosi fiori secchi che decoravano il porta fedi in vetro o le bomboniere con i limoni di Sicilia provenienti dagli alberi piantati da loro, o ancora le decorazioni di rametti che incorniciavano i numeri del tableau de mariage. Questo peculiare mix di elementi boho e shabby chic non poteva essere più armonioso e lasciava il giusto spazio all’introduzione di elementi provenienti dalla cultura danese come le scritte Tillykke e le bandierine usate in occasione di feste importanti come il matrimonio.
“Abbiamo prediletto l’uso di materiali come il legno, […] il contesto rustico e il panorama mozzafiato hanno fatto il resto, rendendo l’atmosfera davvero magica” afferma Claudia. Sotto la sapiente guida della creative wedding planner Raffaella Ferrari, che ha saputo capire i gusti degli sposi e tradurre in realtà i loro sogni, ogni cosa è andata al suo posto.

Particolari da guardare e toccare

La cosa più bella per Marco e Claudia? Sicuramente la struttura abbellita con fiori e tendaggi nella zona della cerimonia. La verità è che erano loro stessi la meraviglia più grande della giornata. Con il suo abito color cipria firmato Pronovias, le sue scarpe col tacco brillanti e i suoi orecchini raffinati, Claudia risplendeva di luce propria, delicata e seducente. Dal canto suo, Marco non era da meno, vestito di tutto punto con un abito da uomo Pignatelli. Che dire poi delle favolose scatoline ecologiche acquistate da EcoFattoArt? Integrate con i confetti, non potevano che trovarsi nel luogo giusto al momento giusto.

Gli sposi non hanno dubbi: il loro matrimonio è stato perfetto in ogni dettaglio e non poteva che rappresentarli al meglio, ma solo grazie al contributo di tutti le professionalità coinvolte, che hanno saputo creare gli spazi adeguati per far sentire a loro agio ogni invitato. Con il senno di poi, non cambierebbero nulla.