A spianare la strada alla conoscenza tra Carlotta e Gaetano ai tempi dell'università è stata Elena, una cara amica in comune, ma mai avrebbero immaginato che quella lunga serie di incontri casuali, che li vedevano agli stessi capodanni e feste di amici, potesse portarli a percorrere un romantico cammino di vita insieme.

Un'inaspettata uscita a quattro

Dopo essersi quasi persi di vista per più di due anni una sera si sono trovati entrambi ospiti di una cena a casa di Elena, il loro anello di congiunzione, in una serata in cui avrebbe dovuto esserci il suo intero gruppo di amici ma che poi si è trasformata involontariamente in un'uscita a quattro. Dopo aver trascorso la serata a ridere e a scherzare, al mattino dell'indomani hanno continuato a parlare tramite i social: tra una battuta e l'altra, instaurando un'intrigante confidenza, si sono innamorati l'uno dell'altra.

Poche settimane dopo aver iniziato a frequentarsi, Gaetano ha preso in affitto un monolocale, e nel giro di pochi mesi si sono trovati a condividere lo stesso tetto in maniera del tutto naturale, prima nei weekend, ma poi l'idea di vivere tutta la vita insieme ha iniziato a concretizzarsi come una normale conseguenza. Un pensiero che bisbigliando li accompagnava e che entrambi avevano quasi timore a manifestare per non interrompere l'incanto che li avvolgeva.

La romantica proposta lungo il Pont des Arts

Tre splendidi anni di fidanzamento prima della proposta a Parigi durante il ponte del 25 aprile del 2016, nello scenario più romantico per antonomasia.
Gaetano, tenendo all'oscuro la donna che desiderava sposare ben presto, ha complottato la scelta dell'anello con Cristiana, una cara amica che lavora da Tiffany, con cui Carlotta aveva condiviso le sue preferenze in materia di gioielli, senza mai immaginare che un giorno qualcuno potesse rivolgersi proprio a lei per comprarle un anello di fidanzamento.

E proprio durante la loro mini vacanza a Parigi, passeggiando lungo il Pont Des Arts, l'icona più poetica per tutti gli amanti in viaggio nella città, Gaetano ha sfilato dallo zaino una bustina di Tiffany sussurrandole che di lì a pochi secondi sarebbe stato un momento molto importante per entrambi.

Tra l'incontenibile emozione del momento e il rischio di far cadere il cofanetto nella Senna, finalmente Gaetano è riuscito a fare a Carlotta la tanto bramata proposta di matrimonio.

Le nozze con dettagli personalizzati in uno splendido scenario

Hanno pronunciato il fatidico Sì il 2 settembre nella basilica di San Seba, un affascinante monastero situato sul colle Aventino di Roma. Carlotta è giunta all'altare con un sofisticato abito in pizzo macramè di un delicato rosa cipria con scollo a illusione di Nicole, acquistato presso l'atelier di Latina Luna Nuova; Gaetano invece, indossava un elegante abito blu scuro di Carlo Pignatelli con gemelli di Swarovski.

Dopo la cerimonia gli sposi hanno dato il via al ricevimento in una splendida tenuta ad Anguillara Sabazia, una location immersa in un rigoglioso scenario naturale, che per l'occasione è stata allestita in maniera molto originale ma soprattutto con gusto esclusivamente personale. Il tableau de mariage ad esempio, era composto dai nomi del tè, caffè e bevande che Gaetano e Carlotta sono soliti bere quotidianamente; l'angolo per il photobooth era un vero e proprio salotto con spiritosi accessori e un guestbook in cornice, il cake topper invece costituito da forme stilizzate di un bicchiere di birra e un calice di vino con le iniziali Mr&Mrs.

Tutto ciò che desideravano non era un'etichetta, ma far sì che i piccoli dettagli parlassero di loro. Una giornata indimenticabile a giudicare dai radiosi sorrisi e dai loro occhi colmi di emozione immortalati dalla talentuosa fotografa Giulia Santarelli che ha curato attentamente lo shooting fotografico. 
Un matrimonio a dir poco unico per i suoi dettagli, che ha esaudito i sogni di Carlotta e Gaetano, e che ha rappresentato la celebrazione più pura del loro amore.