Prima che Fare Nozze si occupasse dell’organizzazione del loro matrimonio, c’erano solo un ragazzo di nome Ivan e una ragazza chiamata Giulia. I due giovani si occupavano entrambi del benessere delle persone senza conoscersi, finché un giorno le loro vite non si intrecciarono per sempre. Volete sapere come è andata a finire? Ve lo raccontiamo subito, con le parole e gli scatti di Foto Italo.

Se l’amore è amore

Giulia e Ivan si conobbero nel settembre 2012, grazie al loro comune lavoro in ambito assistenziale sanitario: lui è infermiere, lei terapista pediatrica. La passione corrisposta da entrambi nella cura dei pazienti non tardò ad emergere nella forma di energia contagiosa: "Ci siamo incontrati la prima volta mentre assistevamo una bambina e abbiamo avuto il classico colpo di fulmine» confida Giulia, spiegando che quello che fanno tutti i giorni è emotivamente intenso e coinvolgente e che fu proprio la volontà di poter aiutare e prendersi cura dell’altro ad avvicinarli."
Così, nel modo più sincero che l’animo umano possa conoscere, i due ragazzi finirono col fidanzarsi: il 18 marzo 2013 segnò l’inizio di quattro anni di felicità, culminati con una convivenza lunga due anni e coronata dalla giornata che li unì finalmente come marito e moglie.

"Durante il nostro percorso insieme è stato naturale arrivare a parlare e desiderare il matrimonio, ci sembrava il naturale coronamento della nostra storia" raccontano Giulia e Ivan.
Volete sapere se ci fu una proposta ufficiale? Più o meno. La verità è che la coppia è sempre stata d’accordo sul tipo di nozze da organizzare, dallo stile al periodo migliore per celebrarle. Non vi fu nessuna inutile discussione a riguardo, così come nessuna aspettativa su sceniche dichiarazioni: durante il relax delle vacanze di Natale, nell’atmosfera intima della quotidianità, Ivan fece la proposta a Giulia… ovviamene accettata.

Quanto sei bella Roma…

La coppia si sposò il 17 settembre 2017 a Roma, tramite rito civile avvenuto presso la suggestiva Sala Rossa del Campidoglio, sorretta da eleganti colonne marmoree e illuminata morbidamente da antichi candelabri. Qui, in una calda atmosfera classica, Giulia e Ivan si dissero per sempre sì, prima di immortalare la loro gioia tra le bellezze della Capitale.

Accompagnati da un’incantevole Citroën 2CVé Spécial targata Roma e fornita da Nozze AutodEpoca, i due novelli sposi poterono raggiungere i luoghi più suggestivi della città, che divenne la perfetta scenografia delle loro nozze. L’intera Roma sembrò salutarli dall’alto della cupola di San Pietro, per poi accoglierli sulla scalinata di Piazza di Spagna, proteggerli all’ombra del Colosseo e rinvigorirli con l’acqua della fontana di Trevi… testimone della loro dolce vita.

Il ricevimento si svolse nel cuore del Parco Regionale dei Castelli Romani, presso la meravigliosa Villa Pocci che si affaccia sul brillante lago di Castel Gandolfo: la cornice perfetta per le loro nozze dallo stile romantico-classico.
"Siamo stati concordi da subito nell’immaginare un matrimonio semplice ma d’effetto, elegante ma informale, con colori tenui e delicati per far risaltare il naturale azzurro del lago alle nostre spalle. […] Le rose inglesi donavano un tocco romantico al tutto, smorzando così la classicità, declinandola in un sogno romantico." afferma la sposa.

… quasi quanto gli sposi!

A distinguere il matrimonio di Giulia e Ivan fu la leggerezza e l’armonia, ricreate in modo spontaneo secondo un gusto classico e romantico allo stesso tempo. Il loro rapporto nacque in modo genuino e crebbe nel bel mezzo della bellezza, quella candida e delicata che valorizza le cose importanti della vita.

Per l’occasione, la sposa indossava un prezioso abito acquistato presso l’Atelier Radiosa di Aprilia, modello Noemi di color rosa cipria, ricamato in pizzo e adornato da brillanti sia sul corpetto che sul raffinato strascico.  Ivan risultava impeccabile nel suo abito da sposo di un vivido color blu notte, rifinito da elegante papillon e da una profumata boutonnière dalle tinte pastellate.

Quello di Giulia e Ivan non fu un matrimonio come tanti, ma senza alcun dubbio uno con tanta bellezza: se scrutate meglio le fotografie, potete vederla riflessa negli occhi degli sposi, nei sorrisi degli invitati e sulle acque del lago, eterno testimone del loro grande amore.