{video-full:https://cdn1.matrimonio.com/emp/videos/5/4/4/93636t30_pina-g-mario-trailer.jpg$#$#https://cdn0.matrimonio.com/emp/videos/5/4/4/93636_pina-g-mario-trailer.mp4}

Da Francesca Zinchiri

Le nozze di Pina e Gian Mario hanno avuto uno stile del tutto personale: la loro passione per la natura e per l’arte del recupero ha dato vita a un’ambientazione fiabesca. La combinazione di oggetti vintage ed elementi naturali ha conferito alla location un aspetto boho chic davvero particolare, immortalato in maniera magistrale dalla fotografa Francesca Zinchiri.

Il sogno di una vita

Una storia iniziata in modo semplice: Pina ha conosciuto Gian Mario nel bar di lui ben 14 anni fa, tramite una conoscenza in comune. Sono usciti insieme per la prima volta dopo alcuni mesi e da allora non si sono più separati. Già dai primi tempi, Pina e Gian Mario hanno capito di essere fatti l’uno per l’altro e hanno sognato di sposarsi.

Lui, infatti, gliel’ha chiesto svariate volte, ma non si sono decisi fino al giorno in cui, guardandosi negli occhi, hanno capito che il momento era arrivato. È stato a quel punto che Gian Mario ha formalizzato la proposta nel più romantico dei modi: una sera, ad Alghero, ha fatto sedere Pina su una panchina di fronte al mare e si è inginocchiato per chiederle di essere la sua futura sposa. Un momento dolcissimo di cui è stato testimone Simba, il loro cane, che sembrava approvare con gli occhi. Così ha avuto inizio la realizzazione del sogno di sempre che li avrebbe portati a scambiarsi, durante la messa, uno sguardo che sembrava dire “ce l’abbiamo fatta”.

Quando lo stile rispecchia gli sposi

“Queste nozze ci rispecchiano, e probabilmente questo le ha differenziate dalle altre”, afferma Pina. Il matrimonio, che ha avuto luogo a Sorso, il paese natale dei due, è stato organizzato come se fosse uno specchio della loro personalità e dei loro gusti. Dopo il rito nella meravigliosa chiesa di Santa Chiara, risalente al XVI secolo, sposi e invitati si sono recati al rinomato ristorante “Da Vito” a Sennori.

Una volta lì, tutti sono restati a bocca aperta per l’incredibile lavoro svolto da Giuseppe Pinna dell’azienda Imprenta. Style & Flower, che ha saputo cogliere perfettamente quello che la coppia desiderava semplicemente ascoltandola raccontare del loro amore e delle loro passioni.

Nozze in un bosco incantato

Tutto il matrimonio, spiega la fotografa Francesca Zinchiri, era incentrato sul tema della natura: le colonne portanti del ristorante erano rivestite in modo da simulare la corteccia degli alberi; i centrotavola erano realizzati con foglie dai caldi colori autunnali; il tableau de mariage riportava nomi di foreste e di alberi… Persino la torta nuziale era adornata da piante grasse! Le decorazioni floreali, invece, sono state scelte nei colori rosa e cipria, che in contrasto con le foglie erano la perfetta rappresentazione della fine dell’estate e il passaggio all’autunno.
La passione per l’antiquariato, poi, è stata ricercata nel resto dell’allestimento, grazie all’uso di oggetti e complementi d’arredo vintage. Il risultato? Uno stile boho chic immerso in un’atmosfera fiabesca.

Il look: semplice ma ricercato

Il look degli sposi, semplice ma impreziosito da dettagli particolari, era perfettamente in linea con il fil rouge del matrimonio. Pina indossava un abito a sottoveste color champagne; la gonna liscia dava protagonismo al particolarissimo corpetto in pizzo, decorato con lacci, fiori e nastri; il velo lungo a strascico, completamente merlettato, era indossato alla maniera classica, poggiato al centro della testa. Il tutto le conferiva un aspetto elegante, semplice e sexy allo stesso tempo.
Gian Mario, invece, ha scelto un completo nero con cravatta dello stesso colore e camicia bianca. I revers lucidi a lancia, così come i fiori all’occhiello intonati al bouquet della sposa, davano al suo look quel tocco di eleganza in più.

Il reportage: “Tutte le favole hanno luogo nei boschi”

La fotografa Francesca Zinchiri ha centrato in pieno la personalità di Pina e Gian Mario, facendola trasparire in ogni fotografia. Per questa professionista, infatti, è fondamentale parlare con le coppie con cui lavora, conoscerne gli interessi e le passioni: solo in questo modo riesce a gettare le basi per un lavoro del tutto personalizzato.

Quando ha visto per la prima volta i futuri sposi, ha subito colto e apprezzato la loro freschezza e il loro modo di interagire allegro e scherzoso: proprio questa complicità che c’è tra i due le ha permesso di realizzare un servizio spontaneo e poco invasivo.

Pur essendo in Sardegna, a pochi chilometri dal mare, la location delle fotografie è stata una grande pineta costiera. Questa scelta non è stata affatto casuale, essendo dettata dal desiderio di rispettare lo stile, le tonalità e le decorazioni del matrimonio. Il reportage è stato pubblicato sul sito della fotografa e sui social media con il titolo “Tutte le favole hanno luogo nei boschi”, una citazione davvero azzeccata.

Questo matrimonio dall’ambientazione magica è stato la realizzazione di un desiderio, portato a termine nel migliore dei modi grazie a un fantastico lavoro di squadra. E per restare in tema, il viaggio di nozze di Gian Mario e Pina ha incluso una tappa nella Foresta Amazzonica. Come in una fiaba, è proprio il caso di dire “e vissero felici e contenti”.