Giampiero Marcocci Studio

Via Gabriele D'Annunzio, 112 64100 Teramo (Teramo) Mappa · Telefono
Prenotato? Salva
27 recensioni
4.9 di 5.0
Prezzo da 1500€

Fotografo Professionista Giampiero Marcocci Studio ha indicato che possiede una partita IVA registrata.

Condividi

Informazioni su Giampiero Marcocci Studio

Giampiero Marcocci Studio vi propone un approccio differente per catturare gli attimi più belli del vostro matrimonio. Con uno stile da reportage creerà per voi un servizio espressivo, carico di sentimenti, spontaneo ed emozionante.

Servizi offerti

Giampiero Marcocci, fotografo professionista dalle riconosciute qualità che si dedica ai servizi fotografici per matrimoni, sviluppando uno stile originale legato al reportage, espressivo e di contenuto che si può definire “fotogiornalismo di matrimonio”.

Questo bravissimo fotografo saprà cogliere i momenti più belli, regalarvi immagini espressive, cariche di contenuti visivi ed emotivi, catturando gli attimi più veri e sinceri. La spontaneità dei vostri gesti sarà la base dell'originalità e la bellezza del vostro servizio fotografico che saprà raccontarvi per sempre le emozioni di un giorno speciale.

Metodo di lavoro

Il fotografo cura con una straordinaria attenzione la selezione delle immagini, unendo formati differenti per garantire la dinamicità del racconto. Eleganza e qualità si fonderanno con un trattamento altamente personalizzato dalla scelta delle foto a quella dell'album che le custodirà.

Associazione Nazionale Fotografi Matrimonialisti
  • Prezzo A partire da 1.500€
  • Servizi Foto, video, prematrimonio, album, mini album, album digitali, fotografie in alta risoluzione, blu-ray o…Continua
  • Pack matrimonio Servizio fotografico, stampe fotografiche, USB box, fotolibro o album tradizionale
  • Trasferte
Maggiori dettagli

Altre informazioni su Giampiero Marcocci Studio

  • Con quanto anticipo mi devo mettere in contatto con te?
    Non c'è un tempo specifico, prima ci si mette in contatto e meglio è
  • Lavori per più di un matrimonio al giorno?
    No
  • Qual è il sovrapprezzo in caso di spostamento?
    Nessun sovrapprezzo
  • Qual è lo stile di fotografia che realizzi?
    Tradizionale
    Artistico
    Fotogiornalismo
    D'autore
    Altri (Senza pose)
  • Che tipo di tecnologia utilizzi?
    Digitale
  • Utilizzi qualche tecnica nuova o particolare?
    Stampe fotografiche fine-art su carta cotone
  • Che strumentazione utilizzi?
    Reflex digitali
  • Disponi di alcun sistema per condividere le foto online?
  • All'incirca, quali sono i tempi di consegna del prodotto finito?
    3 mesi
  • Consegni tutte le copie originali?
  • Lavori da solo o con un'equipe di professionisti?
    In equipe
  • Ti avvali di collaboratori in caso d'imprevisto?
  • Riservi ogni diritto di pubblicazione sulle fotografie del matrimonio?
    No
  • Ti fai pagare per ora o per evento?
    Evento
  • Se fosse necessario, saresti disponibile a lavorare delle ore extra?
  • Come ti fai pagare le ore extra?
    A seconda della richiesta specifica
  • Come si effettua il pagamento?
    un piccolo acconto alla firma del contratto, il resto alla consegna del lavoro ultimato
  • Come lavori?
    Racconto la giornata delle nozze in modo semplice catturando la spontaneità dell’evento e le emozioni attraverso gli attimi più veri e i dettagli più significativi, i momenti reali e non costruiti
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
Giampiero Marcocci Studio
Giampiero Marcocci Studio
Sposi
Sposi
Le amiche
Le amiche
Party
Party
Amici a quattro zampe
Amici a quattro zampe
L'attesa
L'attesa
Preparazione
Preparazione
La sposa
La sposa
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci© Giampier
© Giampiero Marcocci© Giampier
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
© Giampiero Marcocci
Giampiero Marcocci Studio
Sposi
Sposi

Questo fornitore è stato di tuo gradimento?

Preventivo Gratis
Foto 339 foto
Real wedding 366 foto

Recensioni su Giampiero Marcocci Studio

100% degli sposi lo raccomanda


4.9 di 5.0
  • Qualità del servizio 5.0
  • Professionalità 5.0
  • Flessibilità 4.9
  • Rapporto qualità/prezzo 4.7
  • Tempo di risposta 4.9

11 foto degli utenti

  • Eugenia

    Eugenia Marconi · Data nozze: 14/09/2019

    5.0
    • Qualità del servizio:
      5.0
    • Tempi di Risposta:
      5.0
    • Rapporto qualità/prezzo:
      5.0
    • Flessibilità:
      5.0
    • Professionalità:
      5.0

    Fotografo artista

    Siamo contenti di aver scelto Giampiero per il nostro servizio di nozze, perché ci aveva colpito la naturalezza di alcuni scatti visionati nel suo studio e siamo stati rapiti dal suo talento! Quando, dopo poco più di un mese dal matrimonio, abbiamo visto il nostro servizio fotografico siamo rimasti entusiasti e ci siamo emozionati profondamente. È difficile spiegarlo in poche righe, ma in ciascuna immagine abbiamo rivissuto le stesse sensazioni provate nell'attimo da lui immortalato con una disarmante naturalezza, in totale spontaneità, ma con particolari di luci, ombre e colori che hanno reso ancora più meraviglioso il giorno del nostro sì! Inutile dire che quando dopo nemmeno tre mesi abbiamo ritirato l'album di nozze ci siamo commossi! Le sue foto/opere, oltre ad avere un corpo, hanno un'anima, se volete delle foto indimenticabili non esitate a contattare Giampiero.

    Inviato il 30/12/2019

    Risposta di Giampiero Marcocci Studio:

    Grazie Eugenia, grazie infinite, leggere la vostra recensione mi emoziona profondamente, grazie a voi per avermi dato l’opportunità di fotografare le emozioni delle vostre nozze!
  • Serena

    Serena Bruno · Data nozze: 03/08/2019

    5.0
    • Qualità del servizio:
      5.0
    • Tempi di Risposta:
      5.0
    • Rapporto qualità/prezzo:
      5.0
    • Flessibilità:
      5.0
    • Professionalità:
      5.0

    Un fotografo straordinario!

    Abbiamo scelto per il nostro matrimonio un vero e proprio artista della fotografia! Volevamo un servizio che ci lasciasse un ricordo indelebile e che potesse catturare con le foto le emozioni, i vissuti personali e familiari che ci hanno accompagnato fino al giorno del Sì! Beh Giampiero è riuscito a rendere unico il nostro giorno! Un professionista e non solo: riesce a cogliere ogni sfumatura, ogni emozione e la trasforma in fantastiche foto con effetti a dir poco stupefacenti! Giampiero personalizza il servizio riuscendo a suscitare forti emozioni a tutti i familiari e agli invitati con immagini di epica bellezza!!Fieri di averlo scelto, non è paragonabile a nessun fotografo!! Lo consigliamo vivamente a tutti gli sposi che vogliono un album fotografico e un video del proprio matrimonio molto personalizzato e capace di suscitare forti emozioni! Giampiero Marcocci è il migliore!

    Inviato il 19/11/2019

    Risposta di Giampiero Marcocci Studio:

    Serena e Paolo! Grazie infinite per queste bellissime parole, mi sono commosso, emozionato nel riceverle, per me è linfa vitale, amo raccontare storie di matrimonio come quella vostra e quando lo faccio riuscendo a trasmettere le emozioni che ho provato scattando sono super felice! Grazie ragazzi, grazie ancora di tutto, è stato un vero piacere essere il vostro fotografo! Un abbraccio, a presto! Giampiero
  • Alessandra

    Alessandra D'ascenzo · Data nozze: 29/09/2018

    5.0
    • Qualità del servizio:
      5.0
    • Tempi di Risposta:
      5.0
    • Rapporto qualità/prezzo:
      5.0
    • Flessibilità:
      5.0
    • Professionalità:
      5.0

    Regala emozioni

    Amare con passione il proprio lavoro è il segreto per far sì che gli altri apprezzino quanto realizzi. Questo è Giampiero, un professionista che trasforma la fotografia in emozione pura, che dura per sempre. Nel nostro reportage, ha saputo catturare ogni singolo istante, emozione, gioia e follia nei suoi aspetti più genuini e spontanei, per poi adornarli con dettagli, originalità e creatività. Grazie per averci fatto emozionare ancora. Alessandra e Carlo.

    Inviato il 14/01/2019

    Risposta di Giampiero Marcocci Studio:

    Grazie Alessandra, grazie Carlo, queste vostre parole mi emozionano e sono linfa vitale per me e per il mio lavoro! Sono felice che vi abbia trasmesso la mia passione e che sia riuscito a farvi emozionare ancora.
    Grazie di cuore!
    Giampiero
  • Monica

    Monica Di Francesco · Data nozze: 14/07/2018

    5.0
    • Qualità del servizio:
      5.0
    • Tempi di Risposta:
      5.0
    • Rapporto qualità/prezzo:
      5.0
    • Flessibilità:
      5.0
    • Professionalità:
      5.0

    Serio e professionale

    Un vero professionista, è riuscito a realizzare ciò che volevamo. Ma soprattutto dopo 2 mesi l’album era già pronto!

    Inviato il 02/01/2019

    Risposta di Giampiero Marcocci Studio:

    Grazie Monica! Sono felice che siate rimasti contenti del mio lavoro, per me è stato un vero piacere, grazie di cuore, a presto!
  • Chiara

    Chiara · Data nozze: 27/05/2018

    5.0
    • Qualità del servizio:
      5.0
    • Tempi di Risposta:
      5.0
    • Rapporto qualità/prezzo:
      5.0
    • Flessibilità:
      5.0
    • Professionalità:
      5.0

    27 maggio 2018 il fotografo, anzi l'artista, Marcocci, ha reso il giorno più bello della nostra vita così vero come l'abbiamo vissuto. Abbiamo vagliato diversi fotografi prima di conoscere Giampiero, ma nessuno dei precedenti ci convinceva. Nell'osservare le sue foto abbiamo colto quella originalità e spontaneità che cercavamo. Non è stato facile stare dietro a due sposi che non amano le pose, ma, senza farsi troppo notare, ha catturato le emozioni che oggi possiamo ammirare nel bellissimo album, anch'esso molto originale. Ci siamo innamorati della luce delle sue foto, delle ombre, delle sue geometrie... Basta guardarne alcune e mi capirete. Pochi riescono a trasmettere la passione per la fotografia come Giampiero e poi i tempi: in meno di due mesi le nostre foto erano a casa. Grazie Giampiero per farci emozionare ogni volta che ammiriamo il capolavoro che hai realizzato!
    Chiara e Salvatore

    Inviato il 13/08/2018

    Risposta di Giampiero Marcocci Studio:

    Ciao ragazzi, grazie, grazie per le vostre belle parole, sono contento di aver trasmesso emozioni, per me è la più grande soddisfazione! Un abbraccio e a presto,
    G.

Altre recensioni

I premi di Giampiero Marcocci Studio

Real Wedding di Giampiero Marcocci Studio

Tutti i reportage di nozze

Lo hai già prenotato?

ConcorsoVinci 5.000€ per il tuo matrimonio!

Richiedi un preventivo tramite Matrimonio.com. Per ogni visita o contratto stipulato, aumenteranno le tue possibilità di vincere. Buona Fortuna! + info