Paolo Pigato Photography

Via Giovanni Palatucci 20 36061 Bassano del Grappa (Vicenza) Visualizza mappa
2 raccomandazioni

Prezzo da 900€

Fotografo Professionista Paolo Pigato Photography ha indicato che possiede una partita IVA registrata.

Informazioni su Paolo Pigato Photography

Paolo Pigato Photography vuol dire fotografi di matrimoni, fotografi che sapranno mettere in foto ciò che vi rende speciali, con discrezione e in modo naturale. Ci saranno quando le mani emozionate di mamma vi sistemeranno il vestito, quando orgoglioso il papà vi aggiusterà la cravatta. Al vostro fianco nel momento del sì, e dopo il si per il primo bacio. A brindare e festeggiare se lo volete, e perchè no, per un autoscatto con tutti a notte fonda! Allora pronti per il grande passo? Loro si, tocca a voi!

Servizi offerti

Un reportage dell'intera giornata, dai preparativi fino alla cerimonia e durante l'intera festa. Paolo Pigato Photography lavora sempre in coppia, senza nessun limite di orari o spostamenti. Se lo volete sarà presente anche il photobooth, ovvero un angolo dove tutti possono fare un autoscatto in piena autonomia!

Altri servizi

Paolo Pigato Photography può aiutarvi nella scelta dell'album, nella stampa delle foto dopo la consegna e nella realizzazione di fotolibri.

Possono mettere il vostro reportage online su smugmug.it, una gallery online degli scatti migliori da condividere con i vostri amici e protetta da password. Se lo volete possono lavorare anche con un terza persona, che si occuperà di realizzare un video professionale dell'intero evento.

  • Prezzo

    Da 900€ a 1.400€

  • Servizi

    Foto, prematrimonio, postmatrimonio, album, album digitali, fotografie in alta risoluzione, cabina fotografica

  • Pack matrimonio

    1 o 2 fotografi, dalla sveglia fino a notte fonda. Dal primo bacio all'ultimo ballo! Un reportage da…Continua

  • Trasferte

  • Disponibilità

    Visualizza calendario

Ulteriori dettagli

Ulteriori informazioni su Paolo Pigato Photography

  • Con quanto anticipo mi devo mettere in contatto con te? Se siamo liberi, anche il giorno prima.. Ma il primo che chiama vince!
  • Lavori per più di un matrimonio al giorno? No
  • Qual è il sovrapprezzo in caso di spostamento? Nessuno, se si parla ancora italiano. We speak english, by the way
  • Qual è lo stile di fotografia che realizzi? Artistico, altri (reportage)
  • Che tipo di tecnologia utilizzi? Digitale
  • Utilizzi qualche tecnica nuova o particolare? Reportage, ovvero voi divertitevi che noi scattiamo. Senza troppe pose, senza vincoli.. un racconto a 360° gradi della vostra giornata. A richiesta una postazione photoboot, detti anche autoscatti!
  • Che strumentazione utilizzi? Disponiamo di attrezzature fotografiche professionali, sia per le riprese che per l'elaborazione delle immagini digitali
  • Disponi di alcun sistema per condividere le foto online? Sì, una pagina web con una slideshow su smugmug.it, protetta da password
  • All'incirca, quali sono i tempi di consegna del prodotto finito? 5 mesi
  • Consegni tutte le copie originali? No
  • Lavori da solo o con un'equipe di professionisti? In equipe
  • Ti avvali di collaboratori in caso d'imprevisto?
  • Riservi ogni diritto di pubblicazione sulle fotografie del matrimonio? No
  • Ti fai pagare per ora o per evento? Evento
  • Se fosse necessario, saresti disponibile a lavorare delle ore extra?
  • Come ti fai pagare le ore extra? Tutto incluso!
  • Come si effettua il pagamento? 30% per acconto, il resto ad 1 mese dal matrimonio quando ci rincontreremo per approfondire tutti i dettagli
  • Come lavori? Lavoriamo in modo professionale, con la massima discrezione.. e divertendoci!

Gli altri sposi hanno visitato anche:

Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography
Paolo Pigato Photography

Questo fornitore è stato di tuo gradimento?

Preventivo Gratis
  • Galleria di Foto 138
  • Galleria di Video 2

Raccomandazioni su Paolo Pigato Photography

2 di 2 sposi lo raccomandano

  • M

    Marco, Data nozze: 10/09/2016

    • Qualità del servizio:
      Buono
    • Risposta:
      Eccellente
    • Rapporto qualità/prezzo:
      Eccellente
    • Flessibilità:
      Eccellente
    • Professionalità:
      Eccellente

    Con We Are Famous ci siamo trovati benissimo. Servizio impeccabile eseguito con discrezione, sempre dentro gli schemi e rispettoso riguardo l'esperienza che stavamo affrontando. Non ci ha mai fatto sentire a disagio durante il servizio e sopratutto non si è dimostrato insistente o irruento nelle pose lasciandoci vivere al meglio la nostra giornata.

  • A

    Andrea Gaspari, Data nozze: 23/08/2015

    • Qualità del servizio:
      Eccellente
    • Risposta:
      Eccellente
    • Rapporto qualità/prezzo:
      Eccellente
    • Flessibilità:
      Eccellente
    • Professionalità:
      Eccellente

    Un obbiettivo curioso ed elegante ci ha regalato degli scatti emozionali ed eleganti nel giorno del nostro matrimonio. Presenza discreta e puntuale, ha saputo cogliere momenti speciali e talora inattesi, con rigore e perizia. Grazie Paolo

Altre raccomandazioni

I premi di Paolo Pigato Photography

Consigliato da Matrimonio.com

Promozioni di Paolo Pigato Photography

Azienda partner di Paolo Pigato Photography

ConcorsoVinci 5.000€ per il tuo matrimonio!

Richiedi un preventivo tramite Matrimonio.com. Per ogni visita o contratto stipulato, aumenteranno le tue possibilità di vincere. Buona Fortuna! + info