COVID-19 Restiamo sempre al vostro fianco. Consulta il nostro Centro Assistenza.

S
Sposa Precisa Ottobre 2020 Mantova

Post parto, esperienza traumatica allattamento in ospedale

Sara, il 12 Febbraio 2020 alle 19:02

Pubblicato in Future mamme 65

Voglio raccontare la mia esperienza nella speranza che qualche mamma possa darmi un consiglio. Domenica nasce la mia bimba a 38+2, purtroppo il tanto decantato skin to skin non avviene, me la portano subito via anche se sta bene. Tentiamo di attaccarla un po' al seno ma lei non è interessa il giorno...
Voglio raccontare la mia esperienza nella speranza che qualche mamma possa darmi un consiglio. Domenica nasce la mia bimba a 38+2, purtroppo il tanto decantato skin to skin non avviene, me la portano subito via anche se sta bene. Tentiamo di attaccarla un po' al seno ma lei non è interessa il giorno del parto dorme. Dal giorno successivo il personale del reparto maternità comincia a starmi addosso per l attacco al seno ma che non avviene, la bimba rifiuta il seno, piange, comincia un odissea. Cominciano a starmi addosso perché dipende da me che la devo attaccare spesso e insistere anche se lei piange e lo rifiuta. Intervengono tutte le ostetriche e infermiere con manovre poco delicate e forzanti per attaccarla, capezzolo maneggiato da mille persone, la spingono contro il seno a forza. Lei si attacca pochissimo e male. Il giorno dopo ancora più pressione, si prova con insistenza ad attaccarla, ormai i miei capezzoli sono a pezzi, oltre le manovre solito provano a spremere e spremere per vedere se almeno una goccia di colostro esce ma non c'è. La bimba ormai affamata la notte piange ininterrottamente per 6 ore ed io disperata non ho niente, la attacco ma niente, la prendo in tutti i modi, mi dicono che era prevedibile che ha troppa fame ormai. Ormai ho un esaurimento nervoso, il giorno dopo (oggi) vedono che ha perso troppo peso, è andata oltre il calo fisiologico, disidratata, non ha mai bevuto niente. E partono con l artificiale. Finalmente. Mangia avidamente, mi si apre il cuore. Mi avvertono che questa scelta mandera in malora i miei già vani tentativi di allattamento naturale. Mi dicono se voglio provare ad attaccarla anche oggi, dico no, oggi non ce la faccio, non voglio vivere di nuovo quel delirio, il seno mi fa malissimo e non voglio vederla di nuovo piangere disperata, non voglio accanimento. Loro mi dicono peccato, è un occasione che perdi. Io provo rabbia e mi sento privata di quella magia dell' allattamento che pensavo di vivere. Volevo quel contatto e lo vorrei ancora ma voglio anche che mia figlia sia nutrita e ormai l artificiale è d obbligo a questo punto perché loro non han voluto intervenire prima essendo la politica dell' ospedale aspettare l eccessivo calo del peso prima di intervenire. Non poter allattare al seno mia figlia mi fa soffrire ma mi crea angoscia l esperienza di questi giorni. Forse domani mi dimettono e a casa continuerò con l artificiale ma non vorrei rinunciare del tutto al seno, e non so se faccio male a provare ad attaccarla lostesso ogni tanto e vedere se lo prende o no, non so cosa abbia senso. Io ancora non ho il latte. Questa è la mia esperienza, cosa ne pensate?

65 Risposte

  • R
    Super Sposa Settembre 2017 Napoli
    Riccia ·
    • Segnala
    Ciao cara mia figlia nacque all. Una di notte alle due gia era in camera con me e l attaccai subito al seno, stava così spesso al seno k pensavo k sarei riuscita a non darle l artificiale, la sera dopo piangeva come una disperata per piu di un ora, andai dalla pediatra firmai un documento dove c era scritto k mi prendevo io la responsabilità del latte artificiale, appena le diedi il latte si calmò...tornata a casa cercavo sempre di darle prima il mio seno e poi l. Aggiunta,(pensa stava ore ore vicino al seno) poi quando aveva troppa fame lo rifiutava xk voleva subito mangiare quindi. Voleva. Il. Biberon, ho fatto allattamento misto fino a 5/6mesi, è stato molto difficile xk io volevo darle solo il mio latte ma mi stavo rendendo conto. K non stavo bene ne io né la mia piccolina... Quindi se vuoi allattare provaci,ma se nn riesci non pensare che non sei una buona mamma, xk si è mamme sia se si allatta sia se non si allatta...
    • Rispondi
  • Valentina
    Sposa Master Giugno 2014 Bergamo
    Valentina ·
    • Segnala
    Penso che potrebbe esserti utile affidarti all'uscita dall'ospedale ad un'ostetrica che possa aiutarti con l'allattamento in maniera dolce e adatta al tuo specifico caso, solitamente ci si affida alle ostetriche in consultorio che so che effettuano visite a domicilio e incontri settimanali di gruppo come le "pesate" alle quali io ho sempre partecipato in presenza dell'ostetrica disponibile per qualsiasi cosa e una figura di supporto psicologica. Ai corsi preparto hanno spiegato che per i primissimi mesi l'allattamento può essere molto impegnativo, richiede disponibilità h24, sforzo, determinazione, infinita pazienza e la possibilità di avere complicanze come dolore, ragadi, mastiti,... Io ho avuto un'esperienza negativa con il mio primo figlio perché non si attaccava bene (in punta e continuava ad attaccarsi/staccarsi e obiettivamente non usciva nulla), lo attaccavo ad ogni poppata ad entrambi i seni (piangendo dal dolore), poi gli davo l'artificiale ed infine ogni due ore mezz'ora di tiralatte a seno... Senza considerare dolore, sangue, ragadi,... Ho comprato qualsiasi cosa potesse aiutarmi come paracapezzoli, creme, unguenti,.. Insomma stavo diventando pazza, non riuscivo a godermi mio figlio e nemmeno riuscivo ad avere il controllo di me stessa e di tutto ciò che mi stava intorno. Questa agonia andò avanti per circa tre settimane dove non mancarono liti con mio marito e momenti di pieno sconforto fino alla prima visita dal pediatra dove esordii dicendo "io sto facendo il possibile, se mi dice che ne vale la pena continuo" senza neanche lasciarmi argomentare mi disse di prendere le pastiglie di Dostinex e che sarei stata una bravissima madre anche senza allattare al seno. Da quel momento finalmente mi sono sentita mamma a tutti gli effetti ❤️. Adesso sono molto provata perché a breve nascerà il fratellino e io sono ancora molto segnata da questa esperienza, non ci voglio pensare e vivrò il momento come mi verrà di viverlo. L'allattamento non é sempre facile e bisogna avere la fortuna di trovarci nelle condizioni fisiche e psicologiche per poterlo fare senza considerare che anche il bimbo ci deve mettere del suo. Non tutte le cose vanno come noi vorremmo che andassero e dobbiamo fare fronte a queste evenienze trovando la soluzione più adatta senza perderci in troppi pensieri e paranoie per i nostri figli e per noi stesse.
    • Rispondi
  • Marta
    Sposa Saggia Settembre 2017 Lodi
    Marta ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    La mia salvezza al dolore lancinante sono stati i paracapezzoli d'argento puro. Non c'è crema che tenga, fidati comprali subito domani!
    • Rispondi
  • Erika
    Sposa Abituale Ottobre 2020 Verona
    Erika ·
    • Segnala
    Ciao Sara!
    Se quello che desideri davvero è poter allattare al seno la tua bimba, non demordere non tutto è perduto! Basti pensare che perfino le mamme adottive se vogliono possono allattare i loro bimbi adottati, senza che il loro corpo fosse pronto x farlo! Non nego che sarà difficile xke purtroppo l’allattamento è una sfida continua, ma se davvero è quello che vuoi l’unica soluzione che ti consiglio è quella di chiamare una vera consulente per l’allattamento (non ostetrica, non pediatra, non suocere o mamme “esperte”). La leche league per esempio è un’associazione di consulenti volontarie se non sbaglio, oppure ci sono le consulenti IBCLC molto professionali.
    • Rispondi
  • V
    Sposa VIP Luglio 2017 Lecce
    Vale ·
    • Segnala
    Ciao cara..capisco perfettamente cosa provi..anche il mio piccolo non si attaccava bene.. chiedevo aiuto, me lo attaccavano ed andavano via..ma lui dormiva, non si svegliava.. calo dell'8%, dimessa con ragadi al seno..a casa non vanno meglio le cose..ragadi sanguinanti..lui cresce a fatica..mi danno l'aggiunta di artificiale..ma io non voglio mollare.. chiamo una consulente per l'allattamento che mi insegna gentilmente come attaccare il bimbi nonostante le ragadi senza sentire dolore..poi inizio a stimolare il seno con il tiralatte sempre su suo consiglio.. ed inzjio a fare l'aggiunta ma con il mio latte..mi senti meglio ma sul biberon lo odio tutte le volte e piango, piango, mi viene voglia di mollare ma..insisto, dò il biberon solo se me lo chiede, lo attacco, mi tiro il latte..i seni diventano sempre più pieni ed ora a 2 mesi si sta attaccando solo al seno.. ti ho raccontato la mia esperienza per dirti che tutto si recupera, soprattutto se sei all'inizio Ma è importante affidarsi a persone esperte e competenti. Se ci tieni all'allattamento al seno chiedi aiuto e non mollare che ce la farai!n bocca al lupo
    • Rispondi
  • Silvia
    Sposa VIP Settembre 2015 Milano
    Silvia ·
    • Segnala
    Anche io non ho avuto una bella esperienza e anche io ero super pressata lì in reparto dove xi sono rimasta per 10gg però. Il bimbo si attaccava male per il frenulo corto e io ci ho giocato capezzoli e serenità : come é andata a finire? Che per nom sentirmo in colpa anche per la pressione psicologica che facevano wono amdata avanti un mese e soffrivo un sacco, non riuscivo a far doccia o prendere in braccio il bambino... La pediatra (l ho cambiata) mi diceva "deve resistere suo figlio ne ha bisogno". Quando all ennesima nottata di coliche che non riuscivo a tenerlo in braccil per il dolore al seno e ho dovuto chiamare mia mamma per aiutarmi, ho detto basta. Dovevo gestire mio figlio, poter farmi una doccia, il latte c'era l'artificiale alla fine son cresciuta il e mio fratello e siamo sani e mia mamma é mamma come chi ha allattato. Ho messo le coppette d argento ho aspettato si cicatrizzasse tutto e som tornata a vivere. Tornassi indietro non insisterei perché ora ho un capezzolo inesistente perché me l ha letteralmente mangiato; e poi perché credo di aver vissuto male un momento che non andava vissuto così
    • Rispondi
  • Virginia
    Sposa Abituale Dicembre 2019 Vercelli
    Virginia ·
    • Segnala
    Ciao, mi dispiace molto per questo inizio traumatico, non voglio immaginare quanto debbano essere stati duri gli ultimi giorni.
    Allora per il seno consiglio di usare delle creme iperidratanti o degli olii (io usavo un olio alle mandorle dolci dell’Argital) ma più di tutto può il relax, io in ospedale non riuscivo proprio ad attaccarla bene e come te sono arrivata a casa piena di ragadi, ho iniziato a tirare il latte e darle il biberon con il mio latte tirato è solo dopo un mese e mezzo ho ricominciato ad attaccarla ma senza aspettative, se l’avesse preso bene, se no pace, il biberon non è il demonio.
    Per il fattore montata: non è affatto vero che ormai è andata! Tu prova sempre con la spremitura manuale e se vedi che hai latte prova a darglielo anche solo con il biberon e solo quando sarai pronta (e con i semi guariti) prova a riattaccarla (sempre se vorrai, non c’è nulla di male nel biberon); se non dovessi avere la montata non sarebbe affatto a causa di un tuo aver desistito ad attaccarla però! Non tutte abbiamo latte per quanto lo possiamo stimolare (e sicuramente lo stress non aiuta!) ma l’artificiale non è il demonio 😅 Ah per dare l’artificiale ma stimolare il seno c’è un sistema per l’allattamento integrativo della Medela che potrebbe essere molto utile 👍🏻 Scusa il papiro ho cercato di essere più esaustiva possibile 🙈
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Settembre 2016 Bergamo
    Serena ·
    • Segnala
    Mamma felice, bambino felice.
    Latte artificiale o seno poco importa. Anche io ho avuto una pessima.esperienza dovuta a ansie e forzature...partorire 10 volte ma non allatterei piu nemmeno un giorno della mia vita...torna a casa e decidi tu! Decidete voi! 😊
    • Rispondi
  • S
    Sposa Precisa Ottobre 2020 Mantova
    Sara ·
    • Segnala
    Non lo so ho deciso di prendere le cose come vengono, paradossalmente oggi il seno comincia a fare un po' male lo sento più pesante.....che stia arrivando il latte? Ho quasi paura che poi non si sa attaccare. Eventualmente qualcuna di voi usa i paracapezzoli? Perché a me fan già malissimo e mi viene male a pensare di attaccarla....
    • Rispondi
  • Daniela
    Sposa Precisa Luglio 2018 Roma
    Daniela ·
    • Segnala
    Come ti capisco, anche per me è stata dura. In ospedale non mi hanno proprio aiutata con l'avvio dell'allattamento, ho dovuto fare tutto da sola. Sono stati giorni stressanti in ospedale per non parlare del primo mese. Ora ha 2 mesi e va molto meglio con l'artificiale (non ho più latte). Un abbraccio e in bocca al lupo
    • Rispondi
  • Emanuela
    Sposa VIP Luglio 2016 Milano
    Emanuela ·
    • Segnala
    Ciao la mia storia e’ analoga alla tua. Sicuramente posso dirti che adesso non hai ancora avuto la montata lattea, la avrai e quindi puoi riprovare ad attaccarla che male non fa. E poi vedi come va. Io tornata a casa dall’ospedale ho fatto 1 mese tra tiralatte, tiracapezzolo, ostetrica al consultorio e consulente lega del latte senza mai riuscire ad attaccarla. Se hai voglia di provare fallo ... ma sappi che non sei l’unica che incontra difficoltà nell’allattamento. L’importante e’ che non inizi a vivere questa difficoltà con stress!
    • Rispondi
  • Serena
    Sposa VIP Giugno 2018 Padova
    Serena ·
    • Segnala
    Tranquilla, a mia mamma è successa una cosa simile, io non volevo attaccarmi in nessun modo...sono cresciuta sana e in forze lo stesso. Non colpevolizzarti, non è giusto, secondo me c'è davvero troppo accanimento su questo argomento, può succedere di non riuscire ad allattare e non è la morte di nessuno!
    • Rispondi
  • Chiara
    Sposa Precisa Dicembre 2020 Torino
    Chiara ·
    • Segnala
    Onestamente a volte ho l'impressione che in ospedale si insista veramente, veramente troppo con la storia dell'allattamento al seno. Non fraintendetemi, so che se possibile è l'ideale, soprattutto per la questione anticorpi. Io stessa ho un bambino di due mesi e allatto solo al seno. Però.. Se deve essere super difficoltoso, portare la bambina ad avere fame e la mamma a stare male.. Perché non considerare la possibilità artificiale? Perché in tanti ambienti si colpevolizzano le mamme in difficoltà?
    • Rispondi
  • Marta
    Sposa Saggia Settembre 2017 Lodi
    Marta ·
    • Segnala
    Succede sempre così...l'insistenza all'allattamento è estenuante ma lo è ancora di più l'allattamento in sè. Preparati, sarà molto ma molto snervante ma mi raccomando non mollare.
    • Rispondi
  • Federica
    Sposa TOP Dicembre 2017 Torino
    Federica ·
    • Segnala
    Ciao bella, provo a raccontarti la mia esperienza magari ti posso essere d’aiuto! Come te appena nata non me l’hanno messa addosso perché non stava bene o meglio, me l’hanno messa per neanche un minuto prima di metterla in incubatrice ma va beh, ne aveva bisogno ed é andata meglio così! Nei giorni seguenti come te capezzoli maneggiati da chiunque, lei si attaccava ma poco e male facendomi uscire le ragadi... alchè ho chiesto i paracapezzoli per poter almeno provare ad allattare senza soffrire come un cane! Anche lei stava scendendo di peso e non mangiando da me le hanno dato un pochino di artificiale per poterla idratare come è successo a te. Al quarto giorno mi è arrivata la montata lattea quindi dolore al seno, dolore ai capezzoli martoriati, ostetriche che insistevano e lei che mangiava poco e niente da me tanto che mi hanno dato il tiralatte perché io stavo esplodendo e almeno così abbiamo eliminato L’artificiale. Uscita dall’ospedale la domenica, lunedì mattina sono partita e sono andata con la mia bimba al consultorio pediatrico della mia città e mi sono fatta aiutare da loro, all’inizio andavo 3 volte la settimana fino a quando lei non ha imparato bene ad attaccarsi, morale oggi fa 8 mesi e a parte lo svezzamento, io allatto ancora al seno! Non ti abbattere se le hanno dato l’artifiviale, tu prova sempre ad attaccarla perché il seno deve essere stimolato per produrre latte e mi sento di consigliarti di farti seguire le prime settimane a casa perché sono difficili e qualcuno di esperto per indirizzarti secondo me è fondamentale! In bocca al lupo 🍀
    • Rispondi
  • Elena
    Esperta Agosto 2021 Genova
    Elena Online ·
    • Segnala
    Ciao cara...prova ad attacarla sempre ......l allattamento si può sempre inviare..mia cugina ha avuto il figlio appena nato in terapia per quasi un mese...e nonostante le avessero detto di usare la artificiale lei è riuscita ad avviare la allattamento naturale.... cerca fuori dall' ospedale in ostetrica specializzata in allattamento che ti aiuti....fidati ci sono molte specialiste che fanno miracoli anche dopo un mese...non demordere...se guardi su internet ci sono molti casi come il tuo😉😉🤞🤞
    • Rispondi

Rispondi a questo Topic

×