COVID-19 Restiamo sempre al vostro fianco. Consulta il nostro Centro Assistenza.

G
Sposa Abituale Luglio 2021 Avellino

Dove partorire vicino alla famiglia o dove si vive?

Gio, il 31 Agosto 2020 alle 10:17 Pubblicato in Future mamme 0 41
Salvato Salva
Rispondi
Sono in difficoltà ... vivo con il mio compagno a 700 km da dove vivono i nostri genitori. Ad oggi non riesco a decidermi se trasferirmi a casa dei miei x il periodo parto e post parto oppure partorire dove mi trovo ma ovviamene nn avrei tt L appoggio e L aiuto .
Qualcuna si è trovata nella mia stessa situazione e potrebbe raccontarmi la sua esperienza?

41 Risposte

Ultime attività da Sara, il 11 Settembre 2020 alle 20:38
  • Sara
    Sposa Saggia Giugno 2018 Milano
    Sara ·
    • Segnala
    Io opterei per la vicinanza ai tuoi..se tuo marito ha un lavoro per cui può rimanere a casa qualche giorno é già qualcosa..però ti conviene far spostare lui e tu stare vicino ai tuoi..serve tanto aiuto nei primi tempi anche solo per farti una doccia o farlo portare fuori da qualcuno e tu riuscire a fare qualcosa in casa o rilassarti mezz'ora
    • Rispondi
  • Simona
    Sposa VIP Settembre 2019 Venezia
    Simona ·
    • Segnala
    Guarda, io vivo in Veneto e i miei in Sicilia e ho avuto una gravidanza a rischio, sono stata allettata dal quinto mese e due volte ricoverata, ma non avrei mai assolutamente voluto lasciare mio marito. Avevo più bisogno di lui che dei miei, sinceramente, e sapevo che anche per lui valeva lo stesso. Tra l'altro (prima che si aggiungessero ragioni mediche per cui dovevo essere costantemente seguita in ospedale) partivo dall'idea che la bambina dovesse necessariamente avere da subito un contatto con entrambi e temevo tantissimo che non potesse assistere al parto perché sono momenti bellissimi da vivere come coppia oltre che importantissimi. In più volevo non abituarmi all'aiuto di qualcuno, perché inevitabilmente prima o poi sarei tornata a casa mia e sarebbe stato difficile per me e per la bambina prendere nuovi ritmi e vivere in ambienti diversi.
    Però ognuno è diverso. Per esperienza ti posso dire che fa paura ma si sopravvive, è difficile tuttora, perché siamo completamente soli, senza parenti né amici, mia figlia ha quasi 5 mesi e io allatto a richiesta, stiamo per cambiare casa e affrontare un trasloco, ma ce la si fa! Non sono wonderwoman, anzi! Ho semplicemente cambiato le mie priorità e mi sono adattata ai nuovi ritmi, come ha fatto anche mio marito. Più facile a farsi che a dirsi, dico sul serio! Poi sì, ci sono momenti difficili, non è tutto rose e fiori, ma nemmeno robe da suicidio.

    L'unica cosa che ti posso consigliare è di scegliere insieme al tuo compagno perché a volte sottovalutiamo quanto per loro sia importante essere presenti in ogni fase di questo percorso. In bocca al lupo per tutto!

    • Rispondi
  • Sara
    Sposa VIP Ottobre 2018 Milano
    Sara ·
    • Segnala
    Guarda dipende da te, se pensi che ti farebbe piacere avere il loro aiuto. Io ero sola e ce l'ho fatta, é stata dura quando mio marito ha ripreso a lavorare, però a me piace essere indipendente
    • Rispondi
  • Vale
    Sposa VIP Luglio 2017 Lecce
    Vale ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Non avevo letto questa tua risposta..allora valuta bene, anche se io vorrei instaurata la nuova "routine" direttamente nella mia casa..dopo cmq spostarsi con un neonato non è poi sempre semplice..
    • Rispondi
  • Vale
    Sposa VIP Luglio 2017 Lecce
    Vale ·
    • Segnala
    Io sono rimasta dove vivo anche perché avevo il mio ginecologo. Nel periodo pre e post partum è venuta mia madre ad aiutarmi ed è stata indispensabile. Considera che la nascita di un figlio è importante per entrambi i genitori, la vita cambia completamente.. quindi io ti consiglierei cmq di non separarti da tuo marito perché dovrete crescere insieme sin dall'inizio, piuttosto se possono, fai venire i tuoi..questo il mio parere secondo la mia esperienza..
    • Rispondi
  • Alessandra
    Sposa VIP Giugno 2019 Trento
    Alessandra ·
    • Segnala
    Ciao Gio, io mi ci sono trovata e se tornassi indietro partorirei vicino a dove sono i miei piuttosto che a dove vivo. È stato davvero difficile poi spostarmi dopo il parto organizzarmi per avvicinarmi ed avere aiuto.
    • Rispondi
  • Laura
    Sposa Saggia Maggio 2018 Roma
    Laura ·
    • Segnala
    Ciao, io ho partorito dove vivo perché non volevo viaggiare e separarmi da mio marito. Inoltre mi hanno sempre seguito qui e volevo restare con gli stessi medici e ospedale. Erano venuti i miei (non a casa nostra, perché piccolissima) per stare con noi le prime settimane. Mia madre diceva che da soli non ce l'avremmo mai fatta, poi c'è stato il lockdown a una settimana dal parto, con i miei non ci siamo più visti e per forza di cose abbiamo dovuto fare tutto completamente da soli... è stata dura ma ce l'abbiamo fatta


    • Rispondi
  • Tania
    Sposa VIP Maggio 2019 Roma
    Tania ·
    • Segnala
    Io rimarrei nelle comodità di casa mia perché è importantissimo avere riferimenti subito dopo il parto perché le cose più ordinarie da fare diventano un caos! Non potrebbero venire da te i tuoi anziché andare tu da loro con tutto quello che comporta uno spostamento in questi casi?
    • Rispondi
  • Stefy
    Sposa Master Maggio 2018 Bergamo
    Stefy ·
    • Segnala

    Io mi avvicinerei alla famiglia, il supporto dei cari dopo il parto è una manna dal cielo!

    • Rispondi
  • F
    Sposa Principiante Ottobre 2019 Udine
    Fedi ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Bhe se ha la possibilità di scendere perché no? Però il bambino deve abituarsi a casa sua.. Poi spostarlo secondo me è un trauma perché magari ha preso dei ritmi che dovranno cambiare
    • Rispondi
  • G
    Sposa Abituale Luglio 2021 Avellino
    Gio ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Nel mio caso c è però da dire che il mio compagno potrebbe scendere a casa dai miei abbastanza spesso e restare circa un mese dopo il parto... paradossalmente è lui quello più convinto per il parto giù , è molto più spaventato di me io sono prp calmissima
    • Rispondi
  • F
    Sposa Principiante Ottobre 2019 Udine
    Fedi ·
    • Segnala
    Ciao io abito quasi a 1600km di distanza. Noi abbiamo deciso di farla nascere dove abitiamo salirà mia mamma per 15 giorni e stop. Non proverei mai mio marito dell'ultimo periodo di gravidanza perché bisogna comunque scendere a 7 mesi.
    • Rispondi
  • Daniela
    Sposa VIP Giugno 2019 Varese
    Daniela ·
    • Segnala
    Io non priverei mai mio marito dei primissimi giorni con il piccolo/a.
    Genitori e suocere possono aspettare più avanti, nel frattempo è giusto che iniziate voi tre a familiarizzare.
    • Rispondi
  • Viviana
    Sposa TOP Maggio 2021 Taranto
    Viviana ·
    • Segnala
    Io direi assolutamente dove vivi.. Per me la prima settimana abbondante dopo il parto è stato un incubo, troppo via vai di gente, troppe persone addosso alla bambina, consigli non richiesti, tutti che volevano tenerla in braccio ore e ore senza il mio consenso, gente che arriva e te la sveglia dopo che ci hai messo 3 ore a calmarla, gente che te la toglie dalle braccia senza chiedere un permesso.. Insomma, per me un disastro 😅 se avessi potuto sparire con la bambina e mio marito tanto di guadagnato..
    • Rispondi
  • Concetta
    Sposa Master Settembre 2018 Taranto
    Concetta ·
    • Segnala
    Ciao! Ti suggerirei dove vivi. I primi giorni dopo il parto per me sono stati un incubo, troppa gente attorno con proprie idee e metodi antiquati..
    Ti suggerirei se ne hai la possibilità di avere una ostetrica o puericultrice privata per chiarire ogni tuo dubbio, le mamme e suocere dopo
    • Rispondi
  • Simona
    Sposa VIP Settembre 2019 Torino
    Simona Online ·
    • Segnala
    Noi abitiamo a 1200 km dalle nostre famiglie... Io partoriró qui dove viviamo xk voglio mio marito vicino. Su questo non ho mai avuto dubbi.... X me è importante che i figli crescano con i genitori ❤️
    • Rispondi
  • A
    Sposa Precisa Luglio 2017 Varese
    Ambra ·
    • Segnala
    Ciao Gio, io vivo in Spagna e i miei genitori in Lombardia; ho mio suocero qui ma è vedovo quindi non ho nemmeno la suocera però sinceramente mai penserei di andare a partorire in Italia; prima di tutto per mio marito; tuo marito potrebbe stare giù tanto tempo con te ? E poi cmq io preferirei stare a casa mia ed iniziare ad abituarmi con il bimbo e mio marito
    Per di più adesso con sta roba del Covid avrei anche paura di rimanere bloccata
    Non so se potranno venire i miei qui per sta storia del Covid ma cmq penso che ci arrangeremo in qualche modo Però insomma se ti senti più tranquilla stando con la tua famiglia e anche tuo marito e d’accordo, perché no ?
    • Rispondi
  • Alessia
    Sposa TOP Giugno 2016 Brescia
    Alessia ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Bravissima.. poi secondo me è fattibile solo se anche il papà riesce a stare a casa per tutto il tempo del “trasferimento dai nonni” altrimenti significherebbe aver si l’aiuto dei propri genitori ma aver lontano il marito e neo papà privandolo di momenti speciali e unici
    • Rispondi
  • Teresa
    Super Sposa Dicembre 2019 Roma
    Teresa ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Uffi la seconda volta che scrivo il messaggio non so xke non me lo ha inviato e non ricordo bene nemmeno cosa avevo scritto . Cmq ti capisco in pieno al Natale però possiamo rinunciare , i nostri parenti possono sempre salire da noi,per noi sarebbe più difficile spostarci dopo il parto sia perché non sappiamo come staremo fisicamente sia per i nostri bambini , a questo punto dobbiamo pensare a noi e dire possiamo rinunciare al Natale in famiglia ? Sì ok ,
    Possiamo rinunciare a qualche aiuto in più ? Sì ok
    Possiamo rinunciare alle visite dei nostri parenti ? Sì ( e in questo periodo direi meno male anche.) Dobbiamo semplicemente pensare a noi alla nostra famiglia e allo stare bene insieme , partorire dove ci si sente più sicuri seocndo me è sempre la scelta giusta perché è vero che come me tu ti saresti fatta seguire da un ospedale giù però non è la stessa cosa io penso , poi nel mio caso specifico avendo una patologia mi sento più sicura dove conoscono la mia situazione. Se vogliono le persone a noi più vicine possono sempre venire noi gli possiamo dare la piena disponibilità e ospitalità così da poter consocere il nipote e stare con noi per farci una mano ma alla fine quando loro chiudono la porta e vanno via noi rimaniamo da soli con nostro marito e nostro figlio questo è quello che conta Smiley smile
    • Rispondi
  • G
    Sposa Abituale Luglio 2021 Avellino
    Gio ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Teresa sto esattamente come te ! Anch io all inizio avevo deciso di partorire giù dai miei , mi sarei trasferita anch io da fine ottobre ma nelle ultime settimane ho mille dubbi ! Poi anche risalire dopo il parto in Liguria , essendo inverno nn credo possa farlo subito con una bimba appena nata e allora sn ancora più in confusione xke nn voglio restare mesi lontana da casa mia ... e poi il Natale !!! Si è difficile quando si vive lontani perché poi ci si vorrebbe condividere questo momento di gioia con tt la famiglia ma nn è possibile
    • Rispondi
  • Teresa
    Super Sposa Dicembre 2019 Roma
    Teresa ·
    • Segnala
    Ciao , quando ho letto il tuo post mi sono rivista , lo avrei scritto io guarda .
    Vivo il tuo stesso dilemma con la sola differenza che all'inizio la mia intenzione era di scendere giù dove c'era la mia famiglia xke anche io partorirò nel periodo di Natale ( ho anche una gravidanza a rischio soffro di ipertensione ) Vivo a Roma e sono seguita al Gemelli , i miei sono di Napoli , dicevo che prima avrei fatto un trasloco verso ottobre per passare gli ultimi due mesi facendomi seguire al policlinico di Napoli , ma ultimamente mi sta balenadno in testa l'idea di partorire qui al Roma dove mi sento più sicura , ho casa molto piccola non potrei ospitare per molti giorni i miei parenti ma sono cmq più propensa a farlo qui , voglio farlo dove mi sento più sicura dove mi sento seguita dove conoscono il mio quadro clinico non fa niente che perdo le festa di Natale, ma mio marito lavora e avrà le ferie dopo Natale e se io dovessi partorire prima lui ce la farebbe ?? Leggendo poi le varie testimonianze in questo post ho avuto la conferma di quei dubbi che mi erano venuti tra il partorire qui a Roma o farlo giù, sì sono dissipati. O quasi .
    Ho la mia famiglia ( anzi mia mamma che sembra nn essere molto d'accordo ) ma xke dice che lavora e nn sa come farà , male che vada sale mia suocera per i primi giorni e poi mia mamma . In qualche modo si fa ..quanto è brutto però avere la famiglia lontana in queste situazioni poi con il covid anche peggio . In bocca al lupo a te e a me 😅
    • Rispondi
  • Giulia
    Sposa VIP Settembre 2019 Modena
    Giulia ·
    • Segnala
    Io ho partorito da 8 giorni... noi viviamo in Emilia Romagna...i miei in Calabria... sono venuti loro per stare qui qualche giorno... io ho partorito in un ospedale dove solo mio marito è potuto entrare e stare lì con noi (anche se per poche ore al giorno)... uscita dall'ospedale ero già in grado di fare tutto da sola... ora siamo soli io e mio marito e stiamo benissimo così...i miei sono stati di aiuto in casa per quei 5 gg che ci sono stati...ma poi la vita deve tornare alla normalità... e io nel momento del bisogno volevo solo mio marito...e non lo avrei mai privato dei momenti del parto 🥰 è personale come scelta...ma la rifarei altre 1000 volte
    • Rispondi
  • Alessia
    Sposa TOP Giugno 2016 Brescia
    Alessia ·
    • Segnala
    Io non sono stata nella tua situazione ma non priverei mio marito dei primi momenti con la sua bimba.. sceglierei la città dove vivi, potrebbero raggiungerti i tuoi genitori nonostante siano anziani lo “stress” da neonato lo vivrebbero sia a casa tua che nella loro.. gli aiuti sono importanti non te lo nego, io avevo tutti vicini ma mi sono sempre arrangiata, mio marito avendo in attività non ha potuto chiudere e quindi nemmeno fruire dei giorni di congedo certamente, se avessi avuto necessità avrei comunque potuto chiamare mia madre per sistemare casa o cucinare perché la bimba nei primi tempi voleva stare perennemente attaccata al seno quindi non potevo dormire ne tantomeno lasciarla a lei per riposare 😅 il mio consiglio è di restare dove sei con la famiglia che ti sei costruita!
    • Rispondi
  • Giulia
    Super Sposa Settembre 2017 Roma
    Giulia ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Bravissima!! Io farei una statua a mia madre, sono stata male per 40 giorni, lei mi ha salvata!!!
    • Rispondi
  • Giulia
    Super Sposa Settembre 2017 Roma
    Giulia ·
    • Segnala
    Io dopo il parto sono stata male per più di 40 giorni e mio marito è rientrato al lavoro dopo soli 4 gg dal parto.. Se non avessi avuto mia madre non so davvero come avrei fatto.. Il. Post parto è tutto una incognita..
    • Rispondi
  • Roberta
    Super Sposa Giugno 2015 Genova
    Roberta ·
    • Segnala
    Noi in reparto dicevamo alle neo-mamme di essere solo i genitori col bimbo/a a casa i primi giorni. Anche xk bisogna imparare a costruire un nuovo equilibrio quindi io ti dico , partorisci nella città dove vivi
    • Rispondi
  • Patty
    Sposa VIP Settembre 2018 Brescia
    Patty ·
    • Segnala
    Io al tuo posto partorirei il mio bimbo nella città dove vivo... Oltre ai controlli pre parto (eco ecc) ci Sn anche i controlli post parto x la mamma, la prima visita dalla pediatra ecc... Senza contare che i primi giorni di vita il piccolo ha bisogno di tranquillità e nn di una casa piena di gente che stressa lui e la mamma. Questo è quello che penso io ovviamente.
    • Rispondi
  • Silvia
    Sposa Precisa Settembre 2018 Torino
    Silvia ·
    • Segnala
    Ciao cara, io non sono stata nella tua situazione perché ho partorito nella città dove viviamo e anche le nostre rispettive famiglie vivono qui ma mi permetto di consigliarti di stare dove c'è il tuo compagno. È vero, poi lui tornerà al lavoro e tu sarai "da sola" ma il primo periodo con il tuo bimbo/a e compagno è fondamentale perché si concretizza il nuovo nucleo familiare.
    Sì, sarai un pochino stanca perché magari dormirai poco (non è detto, comunque) e magari l'allattamento sarà faticoso ma sarà bellissimo condividere quei momenti voi tre. Un abbraccio
    • Rispondi
  • G
    Sposa Abituale Luglio 2021 Avellino
    Gio ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Grazie Elisa , io cerco prp il parare di chi ci è già passato .. come dicevo la mia paura è non rendermi conto adesso del reale bisogno che potrei avere !
    • Rispondi
  • Elisa
    Sposa Abituale Luglio 2019 Roma
    Elisa ·
    • Segnala
    Sono già mamma e ho la famiglia lontano. Purtroppo è molto facile e semplice dire :" faccio tutto da sola " come se si ha un premio o come se chiedere aiuto è sintomo di debolezza.
    Cara mia e care a tutte le altre che immaginano ma non sanno, quando nasce un figlio ti scombussola tutto, tu sei stanca perché hai partorito e hai giustamente il diritto di riposare. Metti che se allatti, sarà doppiamente faticoso perché l' allattamento a richiesta richiede costanza e impegno, potresti ritrovarti sempre con tuo figlio/a attaccato al seno e tu che avrai giramenti di testa. Dirai :" ho mio marito !" ( se sei fortunata che si presta al bimbo, alla casa e a cucinare) ma prima o poi dovrà tornare a lavoro, no ?
    Quindi a prescindere da dove partorire, cerca di capire chi ti può dare una mano, se la tua famiglia può venire da te i primi tempi o se meglio che stai già lì, ma credimi, ne avrai bisogno! Sappi che una mamma riposata è una mamma felice! Auguri!
    • Rispondi
  • G
    Sposa Abituale Luglio 2021 Avellino
    Gio ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Grazie ragazze mi avete chiarito le idee!! Devo pensare a quello che voglio io e nn a quello che mi dicono tt intorno ... io sono propensa a partorire dove vivo , la vedo la cosa più giusta da fare x la mia bimba e per me e il mio compagno !
    • Rispondi
  • Pala
    Sposa Master Maggio 2015 Milano
    Pala ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Il problema più grosso che vedo è che rischia di perdersi proprio la nascita.

    Un mio amico ha rischiato: si era preso alcuni giorni di ferie intorno alla data presunta ma il bambino ha sforato la data. Alla fine il giorno che hanno fatto l'induzione lui era a lavoro e quando sono partite le prime contrazioni è partito dall'ufficio (che distava 400km), è arrivato in tempo perchè cmq il bambino ci ha messo un po' di ore a nascere però ha rischiato di perderlo.

    Infatti poi, alla gravidanza successiva, hanno deciso di farlo nascere nella città dove vivevano.

    • Rispondi

Hai votato . Scrivi un commento con i motivi della tua preferenza 👇

×

Articoli che potrebbero interessarti