COVID-19 Restiamo sempre al vostro fianco. Consulta il nostro Centro Assistenza.

Simona
Sposa VIP Settembre 2019 Venezia

Cambiare o non cambiare ginecologo? Sfogo lungo

Simona, il 8 Gennaio 2020 alle 20:12 Pubblicato in Future mamme 0 10
Salvato Salva
Rispondi

Ciao a tutte ragazze!

Non è la prima volta che mi sorge questo dubbio e comincio ad essere parecchio confusa, per cui mi affido al parere di chi ha più esperienza di me!

Premessa: quando ho scoperto di essere incinta mi sono affidata ad un ospedale privato convenzionato con l'assicurazione sanitaria di cui dovrei usufruire grazie all'azienda di mio marito. Dico dovrei perché da settembre a ora, nonostante solleciti e minacce di provvedimenti legali, sto ancora aspettando che mi aprano la pratica, quindi in sostanza sto pagando tutto io! Pensavo che mi avrebbero seguita in questo ospedale per tutta la gravidanza, per cui ho deciso nonostante tutto di continuare le visite lì in attesa dell'apertura della pratica, ma oggi mi chiedo, alla luce di tutto, se ne valga davvero la pena.

Ma veniamo al perché dei miei dubbi.

Alla prima visita il ginecologo prende le misure del bambino, valuta gli esami che avevo fatto e mi dice che tutto procede bene, ma devo affrettarmi a fare la traslucenza nucale e il bitest perché sono allo scadere della 12esima settimana. Prenoto per la settimana successiva presso uno studio privato da lui consigliatomi e il ginecologo privato mi dice che sono indietro di 12 giorni e che si stupisce che dalle misure nessuno si sia accorto prima, per cui mi rimanda la visita di due settimane.

In tutto questo io continuo a vomitare giorno e notte, a non bere più e a disidratarmi e a perdere peso. Il ginecologo dell'ospedale che mi segue mi dice di mangiare integrale, cose asciutte, e al massimo mi consiglia uno spray allo zenzero, che comunque mi fa vomitare lo stesso.

Passano le due settimane e torno dal privato per bitest e tn e mi vede così moribonda che mi prescrive le nuperal, 4 al giorno, e continuerò a prenderle fino alla 17esima settimana, trovando sollievo, pur continuando sporadicamente a vomitare.

Ottenuti i risultati, torno dal ginecologo che mi segue, e lui si limita ad annotare i risultati nella cartella, a prescrivermi degli esami da fare entro la 18esima settimana (tra cui la curva glicemica), mi fa l'impegnativa per la morfologica, controlla con l'ecografo che ci sia il battito fetale e mi rimanda alla visita successiva.

Da quel momento fino ad oggi le visite si sono svolte così: annotazione dei risultati della morfologica, controllo del battito e arrivederci e grazie. Tra l'altro, morfologica a parte, mi dice di farmi fare le impegnative dal medico curante, anche quella per l'eco di accrescimento, per cui non le fa neanche lui.

Mi chiedo cosa stia pagando a fare, ma soprattutto mi chiedo se siano normali le cose che sto per aggiungere.

Alla 18esima settimana esatta eseguo, presso lo stesso ospedale privato, la curva glicemica. Avevo già scritto un topic al riguardo, ma riassumo per chi se lo fosse perso. Durante la curva vado in bagno per la pipì, ma poco dopo mi ritrovo gli slip zuppi fradici e i jeans umidi e ho qualche dolore addominale. All'ultimo prelievo chiedo alle infermiere se sia un effetto collaterale, e l'infermiera che generalmente è in stanza con il ginecologo durante le mie visite mi intima caldamente di andare da lui a informarlo e a farmi visitare. Chiaramente mi allarmo e informo l'infermiera di turno col dottore, che mi dice che chiederà, ma che senza prenotazione non potrò farmi visitare e che, se proprio ritengo che sia grave, posso chiedere al medico curante di farmi un'impegnativa urgente e prenotare. La bestia finge di entrare per chiedere e mi rimanda a casa dicendomi le stesse cose, sotto gli occhi increduli di chi aspettava il turno.

In tutto questo io chiedo un recapito del ginecologo ma fino ad ora mi è stato negato e mi è stato detto che per problemi posso chiamare il reparto e vedere chi è disponibile. Peccato che io paghi esclusivamente lui per le prestazioni e non prenoto visite generiche con chiunque ci sia in reparto.

Ma comunque, chiaramente il medico mi ha chiesto se stessi scherzando e mi ha mandata al pronto soccorso, dove si è appurato che la cosa poteva essere connessa alla stipsi che avevo da diversi giorni, ma comunque mi viene consigliato di monitorare le perdite con degli appositi assorbenti.

Fortunatamente tutto si risolve per il meglio, ma alla visita successiva cerco di parlare col ginecologo dell'accaduto, se non fosse che c'era l'infermiera bestia in stanza che subito ha cercato di sviare il discorso, e ammetto che l'ho lasciata fare perché ero abbastanza preoccupata per altro.

Alla morfologica, infatti, vengo nuovamente ridatata di una settimana, per un totale di 19 giorni. La mia ultima mestruazione risale al 19/07 e adesso è stata definitivamente spostata al 07/08. Tra l'altro la visita si è svolta nel silenzio quasi assoluto, con un unico commento del ginecologo di turno che ha detto solo che il feto è più piccolo di una settimana e di consultare il ginecologo per delucidazioni sui risultati.

Dopo qualche giorno (s)fortunatamente ho la visita con lui prenotata, per cui chiedo delucidazioni, chiedo se non sia il caso di valutare se ci siano ritardi nella crescita fetale, e mi risponde che dobbiamo aspettare l'ecografia del terzo trimestre. Così, come al solito, verifica velocemente il battito e mi rimanda a casa.

La visita successiva si è svolta così e temo si svolgeranno allo stesso modo tutte le altre visite che farò con lui.

Vi chiedo quindi: alle visite che fate, le misure vengono sempre prese? Viene sempre verificato che il liquido amniotico sia abbastanza e che non ci siano problemi di alcun genere? Il vostro ginecologo vi ha fornito un recapito ed è disponibile a delucidazioni o visite improvvise se avete un problema?

Sono scoraggiata e confusa, perché temo che la mia piccola abbia qualcosa che non va. Vorrei cambiare ma non so da chi andare, perché non conosco nessuno a Venezia e non so neanche se sono io ad essere paranoica o lui lavativo.

Scusate per il papiro e grazie a chi leggerà.

10 Risposte

  • Pala
    Sposa Master Maggio 2015 Milano
    Pala ·
    • Segnala

    Mi sembra veramente assurdo.


    Io sono stata seguita privatamente presso il suo studio da una ginecologa che lavora nell'ospedale in cui ho partorito.

    Ad ogni visita faceva ecografia, verificava le misure principali e mi dava una stima di dimensione/peso del bambino, inoltre verificava rapidamente i flussi. Ovviamente oltre a verificare il collo dell'utero.

    Io avevo il suo indirizzo email e numero di telefono, quindi in caso di necessità le mandavo un messaggio. Magari non rispondeva subito (tra visite e turni in ospedale) ma rispondeva sempre.


    Non va bene essere trattata nel modo in cui sei trattata tu.

    Cambia assolutamente.

    • Rispondi
  • Hila
    Sposa VIP Giugno 2018 Pordenone
    Hila ·
    • Segnala
    Ciao Simona, io ti consiglio di cambiare clinica e ginecologo. Se le visite che ti ha fatto siano normali o meno non te lo sò dire ma, quel che è certo, è che siamo in un momento unico e delicato e dobbiamo essere certe e tranquille con chi ci segue. Anch'io ho scelto una clinica privata (nel mio caso è convenzionata per alcune cose con il SSN), pago tutto ad esclusione di TN e morfologica. Ci facciamo seguire dal primario di questa clinica e facciamo alcune visite lì e altre nello studio privato (che è molto più vicino a casa). Quello che ti posso dire è che ad ogni visita (io sono a 18+3) controlla il collo dell'utero, trascrive gli esami e la pressione, facciamo eco per sentire il battito e vedere il bambino (ma non vengono prese le misure). Poi ovviamente c'è tutta la parte in cui mi chiede come stò, si valuta cosa e quando fare la visita successiva. Non ho un su recapito telefonico diretto. In realtà anche lo studio è uno di quegli associati per cui lavora lì 2 volte a settimana. Nonostante tutto alla prima visita mi ha dato i numeri diretti del reparto (attivo ovviamente 24h) dicendomi di chiamare o andare lì per ogni esigenza. Posso dirti che ho già chiamato 3 volte per dei consigli perchè ho avuto febbre ed emorroidi e mi è stata consigliata la terapia. In un'altra occasione invece sono dovuta andare di persona. Continuavo a vomitare e avevo crampi addominali (era domenica sera ed era non c'era nessuno davanti di me..ma essendo una clinica privata questo è abbastanza normale, più che altro il medico avrebbe potuto essere impegnato con qualche paziente in degenza). In meno di 15 minuti è arrivato il medico di turno che mi ha fatto una visita molto accurata (anche oltre quella che poteva essere la rassicurazione che i crampi fossero dovuti al vomito) e mi ha preso le misurazioni del cranio. La visita è stata dichiarata urgente e non ho pagato. Credo che se ti presenti con problemi "inesistenti" ti visitino comunque ma a pagamento. Quello che posso dirti è che, anche se questa scelta ci stà costando davvero molto economicamente (non abbiamo alcun rimborso) siamo molto contenti di averla fatta. Negli ospedali della mia zona non c'è il clima che c'è avendo tutto privatamente. Non ti dico che i medici, ostetriche e infermieri del SSN siano incompetenti (anzi tutt'altro) ma sono così oberati di lavoro che è normale non possano far durare una visita 1 ora se non ci sono problematiche, oppure se si va in ps magari devi aspettare perchè hai 20 persone davanti. Se vado privatamente pretendo anche un certo servizio.
    • Rispondi
  • Simona
    Sposa VIP Settembre 2019 Venezia
    Simona ·
    • Segnala
    Grazie a tutte, mi attiverò al più presto per trovare un'alternativa e mi informerò col consultorio! E spero di essere decisamente più fortunata. Grazie ancora ♥️
    • Rispondi
  • Federica
    Sposa TOP Dicembre 2017 Torino
    Federica ·
    • Segnala
    Ciao bella, pagate questo medico fior fiore di soldi per cosa? Io mi sono fatta seguire dal consultorio della mia città in modo completamente gratuito, ad ogni visita annottava i dati dei vari esami che nel mentre facevo e misurava il battito cardiaco, mi diceva che visite dovevo fare e prenotare ecc.... non il massimo della simpatia ma quello è soggettivo, per tutti i 9 mesi mi sono state date info chiare ed esaustive, stessa cosa nella visita post parto e ripeto, tutto GRATUITAMENTE (in tutta la gravidanza tra esami e integratori avrò pagato si e no 200 euro e sono stata seguita dal SSN come dio comanda!).... io ti direi di cambiare al volo, quello che è successo durante la curva glicemica è vergognoso!
    • Rispondi
  • Sara
    Sposa Abituale Marzo 2019 Monza e Brianza
    Sara ·
    • Segnala
    Assolutamente cambia e anche di corsa!! Io prima di trovare il mio attuale ginecologo, ne ho cambiati 2... il mio gine attuale non mi voleva nemmeno accettatare, visto che ero già alla 11/12 settimana... il ginecologo è una figura importantissima in gravidanza...
    • Rispondi
  • Amida
    Sposa Saggia Settembre 2018 Hlavni Mesto Praha
    Amida ·
    • Segnala
    Cambia velocemente. Non ha senso pagare per questo
    • Rispondi
  • L
    Sposa Novella Settembre 2018 Napoli
    Lilian ·
    • Segnala
    Ciao Simona..Io ho trascorso una gravidanza infernale...seguita da un ginecologo,che Non si può definire nemmeno bestia,perché sarebbe un complimento...una persona apatica,scorbutica,poco presente,umanità Zero...tutto questo x la mancanza di coraggio...si perché avrei dovuto cambiare medico da subito...Ma non l ho fatto...quindi ti consiglio assolutamente di cambiare e di non perdere altro tempo!
    • Rispondi
  • Roberta
    Super Sposa Giugno 2015 Genova
    Roberta ·
    • Segnala
    Ciao, io sono un caso a parte. Ho conosciuto la mia gi e in ospedale mentre stavo facendo il tirocinio Oss. Ci siamo sempre date del tu ed abbiamo uno splendido rapporto. Pensa che quando sono rimasta incinta della mia bimba lei era in maternità e mi ha fatta seguire da una collega. Ma ho fatto solo 2 visite con lei xk carissima a livello di prezzo e non mi ci trovavo. Appena rientrata dalla maternità sono corsa da lei. Mi ha sempre seguita bene. A 28 settimane avevo contrazioni, l’ho chiamata e mi ha detto di andare da lei subito che mi visitava(x fortuna xk avevo il collo dell’utero accorciato ad 1,3cm). Le contrazioni continuano allora chiamo in reparto e mi dicono che essendo così presto di andare al Gaslini ospedale pediatrico. Nel mentre io l’avevo chiamata ma lei aveva il telefono spento. Fatto sta che era domenica quel giorno, alla sera alle 20 appena riacceso il telefono mi ha chiamata x sapere come stavo e cosa mi avevano detto e di andare da lei dopo 10giorni di progefik. Poi dalla 35ima ho iniziato ad aver frequentemente coliche renali e lei mi vedeva a cadenza di 3 giorni x vedere come andasse la gravidanza senza mai chiedermi un euro. Quando ho partorito lei non era di turno, ma è passata lo stesso in ospedale x sapere come era andata e come stavo.
    Dopo una settimana dal parto mi viene 40 di febbre e lei mi dice di andare al pomeriggio in ospedale a fare un eco x controllare se ci fosse stato qualcosa ed anche li lei non mi ha mai chiesto soldi.

    Questo per dirti se non ti trovi a tuo agio cambia.
    • Rispondi
  • Domenica
    Sposa Saggia Giugno 2019 Venezia
    Domenica ·
    • Segnala

    Ciao Simona! Anch'io sono di Venezia.

    Con un ginecologo privato credo sia quantomeno DOVEROSO che tu sia tranquilla e serena e non mi sembra che tu lo sia... Mi dispiace molto per la tua esperienza. Purtroppo non saprei chi consigliarti perchè la mia è sempre strapiena di appuntamenti e non so se abbia ancora spazio.

    Comunque non demordere e cerca anche tra le amiche un nuovo ginecologo!

    • Rispondi
  • Sarina
    Super Sposa Settembre 2017 Pistoia
    Sarina ·
    • Segnala
    Io credo che dovresti assolutamente cambiare il tuo ginecologo ma semplicemente perché non ritengo professionale e per niente umano il suo metodo di visitare. Dovrebbe quantomeno essere più esaustivo nelle visite e darti delucidazioni molto più dettagliate dato la situazione un po’ anomala. Sono sconcertata ma mi rendo conto che sono in molto ad avere questo distacco e questa poca passione nel dedicarsi alle proprie pazienti e per me potrebbe anche smettere di praticare visto la poca educazione anche nei tuoi confronti. La gravidanza è un momento delicato dove non solo la paziente deve essere ben informata della propria situazione Ma anche rassicurata e sentirsi in buone mani nel caso ci fosse un’urgenza. Mi dispiace molto davvero che tu ti stia trovando in una situazione simile ma credimi hai ancora tempo per trovare un professionista adatto e ben preparato. Un bacione spero tu possa risolvere al più presto!
    • Rispondi

Rispondi a questo Topic

×

Articoli che potrebbero interessarti