Photoweddingstudio

Un abito da sposa è per sempre. Così come lo saranno i vostri ricordi che la musica vi riporterà alla mente. Un ballo scatenato, scarpe da sposa che si levano e gli invitati che si divertono con voi dimenando i loro abiti da cerimonia di ultimo grido o semplicemente una dolce colonna sonora che accompagna il banchetto, fanno parte del vostro ricevimento e cosa c'è di meglio che trovare il giusto sottofondo per ciascuno di essi? Ma poi insorge il dubbio: meglio un dj o un orchestra? Cerchiamo di risolvere questo dilemma!

Due opzioni apparentemente agli antipodi, ma non così inconciliabili, al punto tale che il dubbio può sorgere in alcune coppie, divise tra la volontà di dare un’impronta classica al proprio matrimonio e quella di apportare comunque un tocco di innovazione. Per capire se è meglio contattare un dj o un’orchestra per l'intrattenimento musicale delle nozze è bene comprendere al meglio l’eventuale apporto di ciascuna opzione.

Orchestra

Innanzi tutto è bene specificare che pensando a questo tipo di formazione non dobbiamo necessariamente immaginare un numero molto grande di musicisti (sebbene la definizione classica lo preveda), esistendo anche orchestre da camera con presenze ridotte e adattabili a contesti differenti.

Adatta quindi sia a grandi cerimonie che a contesti più intimi, l’orchestra esegue principalmente musica classica, ma non sono da escludere variazioni sul tema o veri e propri stravolgimenti del repertorio: dalla musica balkanica alle colonne sonore dei film, passando per il riadattamento di brani noti della tradizione pop o rock.

Marco Matteucci

Dj

Anche qui c’è da fare una distinzione tra music selector, che si occupa di creare playlists e mandarle in diffusione, e dj che si occupa di mixare i brani, mettendoli a tempo nelle varie sequenze e generando non di rado creazioni originali. Il ruolo del dj si è molto evoluto negli ultimi anni e non si può di certo rimproverare a questi performer una scarsa presenza scenica, dal momento in cui sempre più spesso vengono curati anche aspetti visuali, con l’utilizzo di luci led e ulteriori artifici. Anche in questo caso il repertorio è variabile, starà a voi scegliere il professionista più vicino ai vostri gusti personali.

Definiti questi punti cardine, diventa chiaro il fatto che, data la versatilità delle opzioni la scelta è rimessa unicamente ai vostri gusti personali, e questa guida servirà semplicemente a capire come sfruttare al meglio lo straordinario contributo degli artisti che ingaggerete per la vostra festa matrimoniale, tenendo conto di alcuni aspetti.

Location

Se avete scelto un ristorante per il vostro matrimonio, è bene domandare preventivamente (per evitare sgradevoli sorprese) fino a che ora potete continuare con la musica e qual è il volume consentito. Esiste infatti una legge quadro sull’inquinamento acustico (il decreto 447/95) che, qualora la location si trovasse in pieno centro abitato, i vicini non esiterebbero a far rispettare!

In base a queste indicazioni potrete decidere se optare per la tranquillità dell’orchestra o per la scatenata energia del dj, fermo restando che, come dicevamo prima, queste caratteristiche non sono fisse, e persino l’orchestra potrebbe farvi ballare fino al mattino con il repertorio adeguato!

Invitati

Se l’età media dei vostri invitati è alta, sarebbe meglio richiedere all’orchestra un repertorio tradizionale o al dj un sottofondo lounge. Solitamente l’orchestra presenzia maggiormente a matrimoni diurni, mentre per la sera ci si affida più al dj. Proprio nel caso di matrimoni serali, in cui in genere i parenti più grandi abbandonano i festeggiamenti dopo la cena, potete proporre una variazione nella scaletta, con musica più movimentata.

Mayadventura

Tradizione o innovazione?

Eccoci al punto cruciale. Come vi aspettate che sia il vostro matrimonio? E siamo sicuri che l’innovazione sia un concetto necessariamente legato al dj? Se la norma vuole che l’orchestra sia chiamata per i matrimoni classici, cosa c’è di più originale di ingaggiarla per delle nozze originali, magari in aperta campagna o sul mare? O di colorare di musica elettronica un ricevimento formale!

Non dimenticate la giusta disposizione dei tavoli della vostra sala, in modo che possiate liberare facilmente lo spazio quando inizierà la vera musica da ballare. Questo avverrà in un secondo momento quando il lancio del bouquet da sposa sarà già stato fatto, il brindisi con relativo taglio della torta terminato e le bomboniere di matrimonio sono già state consegnate a chi di dovere. Solo così potete darvi alle danze senza più preoccuparvi di cosa manchi ancora da fare!