Giulia Santarelli Foto

La fatidica data si avvicina e siete sollevati: avete già sbrigato le incombenze organizzative più importanti, come decidere l’abito da sposa, prenotare la location e prendere accordi con il catering. Ora non vi resta che recarvi in loco per provare il menù di nozze, cosa che vi sembra molto più semplice che decidere quali scarpe da sposa abbinare sotto il vestito. Ma siete proprio sicuri? La verità è che non dovete trascurare questo importante momento e, mentre sarete in procinto di iniziare il primo assaggio, invece che pensare già alla composizione del bouquet da sposa, vi converrà tenere a mente queste 6 cose.

1. Portate avanti l’orologio

Se per qualche motivo non riuscite a organizzare la prova del menù di nozze esattamente all’orario in cui avverrà il pasto principale del vostro matrimonio, dovrete usare l’immaginazione. Portate avanti l’orologio nella vostra mente e non solamente di alcune ore, ma anche di alcuni mesi! Dovrete infatti pensare che se, per esempio, nel momento della prova è inverno quando proporrete quello stesso menù ai vostri invitati non avrete indosso nessun abito da sposa invernale, perché sarà estate. E se quel piatto di risotto fumante vi sembra ottimo anche con 40 gradi all’ombra… allora avete trovato il vincitore!

Artimmagine

2. Fingete di essere un bambino

Se non vi interessano piatti da Masterchef e volete andare dritti al cuore dei vostri ospiti, puntate su sapori autentici, legati alla tradizione, semplici come quelli che piacciono ai bambini. Spesso questa si rivela la soluzione migliore e vi toglie qualsiasi preoccupazione sul fatto che i vostri commensali possano gradire o meno certi accostamenti magari un po’ troppo azzardati.

3. Pensate al vestito

Non trascurate il dress code che avete indicato sugli inviti di matrimonio. Se per esempio si tratta di un raffinato black & white, forse è il caso di evitare il rischio di macchiare quei bellissimi abiti eleganti da cerimonia che i vostri invitati hanno acquistato per l’occasione, costringendoli a mangiare degli spiedini di carne seduti su un prato. Quest’ultima soluzione, al contrario, risulterà perfetta per un matrimonio in stile campestre.

Davide Gaudenzi Wedding Photography

4. L’occhio vuole la sua parte

Va bene mettere al primo posto il gusto genuino e i sapori della tradizione, ma ricordatevi che anche l’occhio vuole la sua parte. L’impiattamento dovrà essere uno dei criteri di valutazione per l’approvazione del menù di nozze proposto dal ristorante o catering a cui avete scelto di affidarvi. Al vostro matrimonio, infatti, nulla dovrà essere lasciato al caso, come il trucco da sposa per occhi verdi che avete ricercato proprio in funzione del vostro colore. Non sentitevi quindi in imbarazzo nel segnalare al cuoco un’eventuale mancanza di attenzione nella presentazione dei piatti.

5. Guardatevi intorno

Sì, guadatevi intorno e chiedetevi dove siete. Vi sembrerà un esercizio stupido e invece è molto ultile per capire se il menù è coerente con la location scelta. Pensateci un attimo: che senso avrebbe mangiare del pesce in una trattoria di montagna o un piatto di ravioli in brodo con il mare a due passi? L’unica eccezione è concessa per matrimoni a tema: in questo caso si tratta di ricreare un micro-mondo curando ogni dettaglio, dalle luci alle bomboniere di matrimonio originali, indipendentemente dal luogo in cui vi trovate.

Salt'n'pepper Wedding Portrait

6. Siate affamati... ma non troppo!

Prima della prova del menù di nozze dovrete avere lo stomaco vuoto, ma non totalmente. In poche parole dovrete evitare di essere sazi per non rischiare di sentirvi nauseati da un eccesso di cibo e allo stesso tempo non dovrete essere così affamati da ritenere buonissima qualsiasi pietanza vi capiti davanti. Cercate di non sottostimare o sovrastimare gli assaggi che state per fare: essere nelle condizioni di formulare una valutazione realistica è importantissimo in questi casi.

Ora che avete la pancia piena, potete rilassarvi. Mettetevi comodi e non preoccupatevi più di niente: penserete domani ai segnaposto di matrimonio, alla distribuzione dei tavoli e al dilemma su come realizzare delle bomboniere di matrimonio che piacciano a entrambi. Ogni cosa a suo tempo, con calma, senza bruciare le tappe...per oggi avete finito!